Nba playoff: Houston risponde subito a Golden State, la serie è sull'1-1

Rufina Vignone
Mag 17, 2018

Per Houston si tratta soltanto della seconda sconfitta interna dei playoff 2018, una sconfitta che ora li costringe a dover andare a vincere in California per provare a portare a casa la serie. Kevin Durant riporta subito sul -11 i Warriors, ma arriva un break decisivo di 11-0 per Houston con due triple di vitale importanza di Tucker e Gordon.

Ma si sa, nel basket e specialmente nei playoff NBA non c'è mai nulla di deciso. Il match di ieri sera ha ribaltato le sentenze espresse fin troppo frettolosamente nel primo atto disputato al Toyota Center: i Rockets hanno vinto grazie ad una splendida prova collettiva, mentre i gialloblu di Oakland si sono affidati interamente a Kevin Durant, autore di una prova maiuscola (38 punti). "Mentalmente sei chiamato a studiare tutti i matchup, le diverse rotazioni e altri dettagli del gioco". Oltre a KD, il top scorer è Steph Curry con "soli" 16 punti.

A seguito del primo parziale quasi alla pari, c'è un secondo quarto dove i Rockets tirano fuori i muscoli e rendono questa parte della gara il momento chiave: i rossi prendono il vantaggio a doppia cifra e lo mantengono costante fino alla sirena che manda le due squadre all'intervallo, con i Rockets che predispongono la propria rivincita dopo gara 1 con il vantaggio per 64-50.

Il rischio, però, ha pagato: Chris Paul è sceso in campo in modalità Point God, deciso a riportare in parità quella che è la sua prima finale di Conference in carriera, e ha trovato in PJ Tucker un alleato dal valore inestimabile. Paul continua ad orchestrare alla grande i suoi e Houston tocca il +18 con 2 minuti da giocare nel periodo (60-42). Termina 127-105, i biancorossi texani pareggiano la serie.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE