Ilva, incidente al porto di Taranto: muore un operaio. "Sciopero immediato"

Bruno Cirelli
Mag 17, 2018

Una nuova morte sul lavoro, questa volta presso lo stabilimento Ilva, nota multinazionale dell'acciaio con sede a Taranto, in Puglia.

L'incidente, almeno secondo le prime notizie che arrivano dai sindacalisti impegnati appunto nelle assemblee in corso, è avvenuto mentre Fuggiano stava sostituendo la fune stessa che si è staccata dall'alloggiamento del carro ponte colpendo l'operaio dell'impresa appaltatrice Ferplast. "Sul posto sono interventi immediatamente i vigili del fuoco, il personale sanitario interno e i medici del 118 per cercare di rianimare il dipendente subito accasciatosi dopo l'accaduto". Fim, Fiom, Uilm e Usb di Taranto hanno indetto uno sciopero immediato dalle 11 di oggi fino a tutto il primo turno di domani.

L'azienda precisa che "la gru DM6 era ferma da due giorni per attività di manutenzione". L'Ilva esprime "profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia di Angelo Fuggiano e a tutti i suoi cari". Contestualmente, i sindacati chiedono al prefetto Donato Cafagna "una celere convocazione per affrontare la grave e oramai non più sostenibile situazione".

Duro anche il giudizio di Francesca Re David, segretaria generale della Fiom: "È inaccettabile quanto sta accadendo". Nel comunicato le organizzazioni sindacali richiamano "con forza le precarie condizioni in cui vivono i lavoratori delle aziende dell'appalto e dell'indotto Ilva, che, alle continue tensioni di precarietà, mancanza di stipendi, incertezza sul futuro, aggiungono anche minori condizioni di sicurezza".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE