Attenzione alla truffa della moneta: 10 Bath scambiati per 2 euro

Paterniano Del Favero
Mag 15, 2018

Continua a circolare la truffa dei 2 euro, diffusa soprattutto in città con una grande affluenza di turisti, come Napoli e Milano.

C'è anche da dire che diversi distributori automatici, soprattutto quelli più vetusti, non sanno distinguere le due euro dai 10 batch o da altre monete di lega simile e dello stesso colore ma di valore molto più basso. E' così che qualche furbetto cerca di ingannare i consumatori, fornendogli come resto una moneta decisamente simile a quella consueta, ma di fatto totalmente differente. Sono molti i commercianti truffaldini che fanno il carico di monete thailandesi da 10 bath che somigliano molto ai due euro ma che in realtà valgono solo 25 centesimi.

Queste due monete sono più facili da trovare a ridosso di ponti e festività, oltre che nelle stagioni turistiche. Per questo, fate attenzione quando ricevete il resto e controllate sempre che la moneta sia quella da 2 euro e non una somigliante. Difficile accorgersene sul momento, quando un negoziante di dà il resto, si tende infatti sempre a prelevare le monete in fretta anche perché magari dietro ai una fila di gente spintonante come accade sempre in Italia, prendi tutto e poi solo in seguito ti accorgi della truffa.

Addirittura per chi ha la sfortuna di scambiare i due euro con i cinque scellini del Kenya si ritroverà una moneta dal valore di 20 centesimi. I raggiri possono avvenire - prosegue Federconsumatori - "soprattutto in prossimità dei centri interessati da un grande afflusso di stranieri e turisti, perché è più facile che si verifichino truffe o errori". L'ultima truffa riguardante proprio le monete in questione si è verificato nel nostro paese nel 2016, quando un esercente di Amalfi è stato proprio vittima di tutto ciò. Pensa la comodità di pagare con 0,25 centesimi un biglietto della metro che costa 1,50 ottenendo anche il resto di 0,50 centesimi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE