Il Novara calcio conquista a Perugia un punto per continuare a sperare

Rufina Vignone
Mag 12, 2018

La società umbra ha appena comunicato di aver sollevato dall'incarico di responsabile tecnico della prima squadra Roberto Breda. Molto buona la fase offensiva per il Grifo, ma male quella difensiva con la retroguardia che balla a ogni affondo nemico.

Questo, il succo dell'1-1 maturato al Curi contro il Novara. Ne esce un primo tempo inaspettatamente spettacolare, ricco di continui ribaltamenti di fronte e tante occasioni da una parte e dall'altra.

Ripresa con il Novara a fare la partita e il Perugia a contenere cercando le ripartenze. Ma è un fuoco di paglia, perché con il passare dei minuti il Novara prende il sopravvento e l'uscita di Diamanti - che è anche diffidato - contribuisce al calo della personalità nel team di Breda, non certo aiutato dal modo molle in cui i subentranti Terrani e Buonaiuto approcciano la partita. Prima dell'intervallo una punizione di Sansone non impensierisce Leali. E di un sinistro (43') di Pajac respinto ancora da Montipò. Resta in dubbio anche Del Prete che potrebbe stringere i denti mentre Cerri, assente a Bari causa influenza, sarà regolarmente in campo. Il Perugia esonera Breda e si affida all'ex difensore di Lazio e Milan per l'ultima partita di campionato contro l'Empoli e per i playoff.

Novara (4-4-2): Montipò; Golubovic, Del Fabro, Calderoni, Chiosa; Moscati, Orlando, Casarini, Di Mariano; Maniero, Puscas.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE