Cambio ai vertici di Facebook, c'è squadra per blockchain

Geronimo Vena
Mag 10, 2018

In secondo luogo, l'interesse di Facebook per la blockchain darà una maggiore credibilità al mercato delle cripto valute, anche nel caso che il social media non lanci la sua cripto moneta.

Per quanto riguarda l'atavica lotta del social contro le bufale, Facebook - in quel di Gennaio - ha avviato un test, negli Stati Uniti, che prevede la somministrazione, agli utenti, di un mini questionario nel quale sono chiamati a valutare l'affidabilità delle fonti, con l'obiettivo di far sì che nel NewsFeed, di nuovo unificato, ci si possa informare tramite siti di una certa serietà, quando si è interessanti a conoscere quel che ci accade intorno. E Facebook non è indenne dalla febbre che ha coivolto i grandi nomi della finanza, in particolare quelli del settore hitech.

La creatura di Zuckeberg sarà suddivisa in tre parti: la prima dedicata alle "app di famiglia" (Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger); la seconda si occuperà delle nuove piattaforme - tra cui una legata al blockchain - e la terza chiamata "central product services" che invece gestirà le pubblicità e la sicurezza.

Si tratta di una mossa che segue alcune delle dichiarazioni già espresse fatta dal'ex-presidente di PayPal, che ha fatto il suo ingresso nel consiglio di amministazione del servizio di cambio Coinbase lo scorso anno, ovvero che Facebook Messenger è aperto all'idea di adottare pagamenti in criptovaluta una volta che la comunità blockchain sarà in grado di "risolvere tutti i grattacapi". Javier Olivan, uno dei vice presidenti per la crescita, assumerà la responsabilità della divisione concentrata sulla pubblicità, il personale e la sicurezza.

L'esperimento con la blockchain sarà guidato da David Marcus, executive che negli ultimi anni ha guidato Messenger, che ha confermato la notizia con post su Facebook: "Dopo quasi quattro anni incredibilmente gratificanti alla guida di Messenger, ho deciso che era tempo di affrontare una nuova sfida".

Cambia, evolve e si trasforma Facebook.

Potenzialmente, Facebook potrebbe percorrere una strada simile e tentare di diventare la preferita tra le varie opzioni di pagamento online per i suoi 2 miliardi di utenti, ma per conoscere la verità dovremo aspettare ulteriori aggiornamenti. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE