Pakistan, dall'autopsia è emerso che Sana è stata strangolata

Bruno Cirelli
Mag 9, 2018

Come riferito dall'agenzia di stampa Ansa, l'esame autoptico eseguito presso il laboratorio forense del Punjab, ha evidenziato l'osso del collo rotto della 25enne, sostenendo sempre di più la tesi del delitto d'onore.

Sana Cheema sarebbe stata strangolata. Le fratture all'osso del collo sono tipiche dello strangolamento e spazzano via tutti i dubbi circa la morte di Sana. Il padre della ragazza, Ghulam Mustafa, il fratello Adnan Mustafa e lo zio Mazhar Iqbal sono in arresto già da alcune settimane. "Le notizie che ci giungono in questo momento confermano l'omicidio", dice Fazal Jabran, portavoce della comunità pakistana bresciana.

La ragazza, che viveva a Brescia, è stata uccisa in Pakistan lo scorso aprile dopo aver rifiutato, secondo quanto denunciato dai suoi amici, un matrimonio combinato deciso per lei dalla famiglia. In Italia, infatti, si parlava di morte per uccisione, ma in Pakistan, una parte dell'opinione pubblica (soprattutto i famigliari), sosteneva che Sana fosse deceduta per cause naturali.

Sana era tornata a vivere da tre mesi e mezzo nel piccolo villaggio nei dintorni di Mangowal, nel distretto di Gujrat, dove è stata sepolta il giorno successivo alla sua morte.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE