Chievo Crotone 2-1, sconfitta immeritata per i calabresi

Barsaba Taglieri
Mag 7, 2018

Nessuna fase di studio tra le due squadre e gli ospiti segnano con Ceccherini, ma la rete viene annullata per un fuorigioco del difensore ospite. Calendario difficilissimo per gli squali rossoblu che se la vedranno con Lazio (in casa) e Napoli al "S.Paolo", mentre per il Chievo, ci sarà la trasferta di Bologna e la gara casalinga contro il Benevento (già retrocesso). Walter Zenga ha le idee chiare. Il Chievo sentiva nelle ossa la paura per una retrocessione che mai negli ultimi anni era stata così vicina e battere il Crotone nello scontro diretto era l'unica chance per raddrizzare una rotta instabile e burrascosa. In attacco la punta Simy sostenuta da Trotta a destra e Nalini a sinistra ma scambiandosi i ruoli in corso d'opera.

Dopo un autogol di Cacciatore annullato dall'arbitro Massa per posizione di offside di Ceccherini su calcio di punizione battuto da Barberis, il Chievo Verona va in vantaggio al 12': cross di Gobbi dalla sinistra, colpo di testa di Birsa e pallone che tocca prima la traversa, poi supera la linea alle spalle di Cordaz. Al 12′ passa il Chievo con Birsa, servito ottimamente da Gobbi e bravo a battere di testa Cordaz.

ANGOLI: 8-4 per il Chievo.

Al 57', in una delle rare sortite dei calabresi, su cross di Nalini dalla sinistra, Simy svetta di testa e colpisce in pieno il palo a Sorrentino battuto. Qualcosa si deve inventare Zenga per spezzare la supremazia dei locali e manda in campo Ricci al posto dello spento Stoian. Il Chievo soffre e si affida alle ripartenze, i pitagorici non ne approfittano, e dopo aver pareggiato il conto dei pali con Radovanovic al 72′, i clivensi trovano il raddoppio con Stepinski che all'82' infila Cordaz con una girata e regala ai veronesi una vittoria fondamentale in chiave salvezza. In precedenza, minuto settantadue, Radovanovic ha colpito il palo. Discorso, invece, completamente diverso per i calabresi che con gli ultimi 7 punti in tre partite hanno fatto un balzo in classifica ed ora in caso di successo otterrebbero la salvezza matematica con due giornate di anticipo, obiettivo sicuramente non semplice da pronosticare un mese fa. Gara del "Bentegodi" come dicevamo vinta dai padroni di casa con il risultato di 2-1, decisa dalle reti di Birsa e Stepinski per i gialloblu, accorcia Tumminello sul finale di partita per il Crotone. Il Chievo riesce ad imporsi dopo un suo periodo oscuro, ritrova la vittoria e la speranza, d'altra parte il Crotone ha lottato ma non ha trovato la salvezza sperata.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE