Addio al grande regista Ermanno Olmi

Ausiliatrice Cristiano
Mag 7, 2018

Ci ha lasciato Ermanno Olmi, il grande regista bergamasco che da tempo aveva trovato la sua dimora sull'Altopiano.

Il mondo del cinema dice addio a Ermanno Olmi: il celebre regista si è spento nella notte all'ospedale di Asiago, in provincia di Vicenza, all'età di 87 anni. Nello stesso anno si trasferisce da Milano ad Asiago e nel 1982 a Bassano del Grappa fonda la scuola di cinema Ipotesi Cinema.

Il debutto nel lungometraggio è del 1959, con "Il tempo si è fermato", storia imperniata sull'amicizia fra uno studente ed un guardiano di diga che si dipana nell'isolamento e la solitudine tipici della montagna. Dirige decine di documentari senza esperienza, il primo grande successo è del 1977 con "L'albero degli zoccoli", ancora oggi considerato suo grande capolavoro.

Dopo una dura lotta contro una grave malattia, la sindrome di Guillain-Barré, che lo tiene a lungo lontano dai riflettori, nel 1987 Olmi torna a dirigere una pellicola con il claustrofobico Lunga vita alla signora! Nel 1989 fu premiato al Festival di Venezia con il Leone d'Oro per "La leggenda del santo bevitore". Il film vince un Leone d'Oro e quattro David di Donatello.

Con "Il mestiere delle armi", nel 2001, presentato con successo al Festival di Cannes e acclamato a livello internazionale, si aggiudica 9 David di Donatello.

Vuoi ricevere Democratica sulla tua email?

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE