Valentino deluso: Pensavo di lottare per il podio ad Austin

Rufina Vignone
Aprile 26, 2018

Veloce nelle prime libere, velocissimo nelle qualifiche, Andrea Iannone, sin dalla mattinata di Sabato, mostra un ottimo feeling con la sua Suzuki GSX-RR, restando costantemente nella top five, con un passaggio di 2:04.209 che lo porta direttamente in terza posizione.

"Ieri ero contento perché avevo un buon passo". Il Dottore ha faticato in sella alla sua Yamaha e si è dovuto accontentare del piazzamento ai piedi del podio a causa di un calo prestazionale della gomma anteriore come ha dichiarato al termine della gara: "Ho sofferto con la gomma davanti". Mi aspettavo di riuscire a fare dei tempi migliori e di restare più vicino a Maverick, ma ho sofferto la temperatura. Mi sarebbe piaciuto anche lottare per il podio con Iannone ma loro sono andati più forte e sono stati più bravi. Vinales? Voglio prima guardare i dati, perché avevamo le moto un pochino diverse. Sapevo che Marquez e Maverick (Viñales, ndr) erano un pochino più veloci ma credevo di avere il potenziale per duellare con Iannone. "Ci ho provato ad andargli dietro, ma non è stato possibile". Abbiamo lavorato bene per tutto il fine settimana. Il talento c'è ancora, adesso finalmente si sono chiariti molto con il suo capomeccanico e le cose cominciano a funzionare. Sono competitivi più o meno in tutte le condizioni, quindi sarà dura.

Rispetto a 2017, Rossi torna in Europa più distante in generale di quanto non lo fosse lo scorso anno dopo il buon inizio di stagione visto dodici mesi fa. Per quel che mi riguarda, non è stato facile continuare a credere in me stesso e trovare le motivazioni, però Lorenzo è un pilota fortissimo e secondo me già a Jerez andrà fortissimo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE