Deutsche Bank, crolla l'ultile nel trimestre

Paterniano Del Favero
Aprile 26, 2018

L'utile netto trimestrale di Deutsche Bank è crollato e ha trascinato nel baratro le azioni societarie in avvio di sessione.

L'utile netto si è attestato a 120 milioni di euro, ben sotto le attese degli analisti, raccolte da Reuters, che indicavano 379 milioni.

Peggioramento anche per il Common Equity Tier 1 (CET1) ratio, diminuito alla fine del primo trimestre al 13,4%, rispetto al 14% della fine del 2017. Questo comporterà il drastico ridimensionamento delle attività di trading sui tassi negli Usa e di quelle di corporate banking in America e in Asia, ha segnalato la banca in una nota.

Di fronte ad una trimestrale non propriamente brillante, Deutsche Bank ha comunicato la sua intenzione di procedere ad una riduzione significativa della forza lavoro.

L'ennesimo ribaltone segue l'esautorazione del precedente Ceo, John Cryan, e la nomina al suo posto di Christian Sewing, che all'interno di Deutsche Bank ha percorso tutta la sua carriera: "Dobbiamo agire in modo deciso per correggere la nostra strategia" ha commentato il manager nella nota che informava i mercati dell'avvenuto cambio di rotta, aggiungendo che "non c'è tempo da perdere perché l'attuale ritorno per i nostri azionisti non è accettabile".

Le attività internazionali di Deutsche Bank nella banca commerciale e private "vogliono focalizzarsi su mercati in crescita come l'Italia e la Spagna mentre nel wealth management la banca punterà a crescere in Germania e nei mercati internazionali".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE