Superbike, gara 1: ad Assen trionfa Rea

Rufina Vignone
Aprile 22, 2018

Settima piazza per l'idolo di casa Van der Mark, seguito da Chaz Davis, 8° e staccato di ben 9 decimi dalla vetta e Torres. "Stiamo tutti lavorando duramente ma ci serve un cambiamento importante per tornare a lottare per la vittoria". Insomma, dopo un inizio poco combattivo, qui ad Assen la Kawasaki numero 66 si è dimostrata veloce e determinata, con l'idea che oggi le Kawasaki fossero le moto più a posto in pista. Van der Mark, invece, è riuscito a trovare un assetto giusto ed a guidare sempre all'attacco ma senza pressare troppo le sue Pirelli che gli hanno quindi permesso di rimanere con i primi fino alla fine.

Scattato in seconda posizione, il britannico della Kawasaki si è portato subito in testa gestendo i ripetuti attacchi di Van der Mark che si è dovuto accontentare della seconda piazza. Il pilota nordirlandese ha comunque preceduto Xavi Forés, nuovamente in prima fila con la Ducati del Barni Racing Team. Da segnalare i sette passaggi sotto 1'36" di Tom Sykes, che ha chiuso sesto: "Kawasaki ancora tra le favorite, dunque.

"Sono stato abbastanza fortunato - spiega poi il pilota Kawasaki analizzando l'andamento della gara- perché all'ultimo giro ho fatto un piccolo errore al T8, ma a quel punto avevo già preso margine". Caduta, senza grosse conseguenze, per Michael Ruben Rinaldi, che domani dovrebbe essere normalmente al via di gara2. A metà corsa il gruppo di testa è formato da Rea, Van Der Mark, Davies e Forés tutti racchiusi in mezzo secondo di distacco. Delude Melandri che raggiungere solo la sesta posizione. Ma la vera battaglia è davanti, in fondo al dritto Rea attacca VdM con la sua R1 che sbacchetta a destra e sinistra, ma Rea non molla e dopo un giro ecco che, nella staccata classica della S, attacca Jonathan Rea, che si infila su Van der Mark, che viene fulminato letteralmente da Chaz Davies.

APRILIA IN DIFFICOLTÀ - Per quanto riguarda gli altri azzurri, Giugliano è finito 13esimo e il compagno di squadra nell'Aprilia Milwaukee, Lorenzo Savadori, 15esimo (e caduto nelle ultime fasi di gara) ma entrambi a oltre 30 secondi dal vincitore. Jonathan Rea forza il ritmo, quasi a cercare di creare un gap tra lui e i rivali, ma mentre Davies sembra un po' mollare, Van der Mark si fa sotto, come si fa sotto anche Sykes, su Davies. Marco Melandri continua a fare molta, troppa fatica, con la sua Panigale.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE