Benevento, De Zerbi: "Col Milan vittoria che rimarrà nella storia"

Rufina Vignone
Aprile 22, 2018

Gattuso, che ha comunque il terzo score del campionato dopo Juve e Napoli da quando ha preso in mano la squadra, nelle ultime sei giornate ha collezionato quattro pareggi e due sconfitte. Milan dunque a rischio anche dell'Europa League, si passa dalla Champions sfumata al rischio europeo totale. Ci sta il calo atletico, ci è mancato Calhanoglu e Suso ha stretto i denti. I rossoneri invece hanno palesato i limiti di un periodo non particolarmente brillante. Il Milan, però, non è in serata e lo si capisce quasi subito. Tra le ue tifoserie c'è grande rispetto, chissà se un giorno tutto questo non porti anche ad un gemellaggio.

Il Milan di Gattuso esce ridimensionato da questa sconfitta inaspettata dovrà riprendere la corsa per un posto in Europa League (ma l'impresa appare disperata dopo questa sconfitta pesante). A quel punto il Milan ha una reazione nervosa con Cutrone, il quale dall'interno dell'area spedisce di poco a lato. La seconda è al 28': palla di Suso per la testa di Cutrone, Puggioni ribatte di piede, sul tap-in di Bonaventura-Djimsiti si allunga in scivolata e salva.

Al 60′ sfonda Kessie, ma il suo tiro si stampa sulla traversa. Nella ripresa un paio di occasioni, ma nulla più. Soffre il Benevento nel finale del primo tempo, ma resiste e mantiene il vantaggio. Non arriviamo sul pallone col tempo giusto. Oggi, tutti a Milanello per l'allenamento e soprattutto per confrontarsi. Il regista è Roberto De Zerbi e l'attore protagonista degno di qualsiasi Oscar è la sua creature: il Benevento. Quadi condannato alla B, il Benevento è riuscito forse (ma è pura teoria purtroppo) a riaprire i giochi e certo si è tolto la soddisfazione di allontanare il blasonatissimo Milan dalla zona Champions.

Questo punteggio è rimasto invariato fino al minuto 29 con la rete della squadra di De Zerbi da parte dell'ex Foggia e Sassuolo, un destro (partito sul filo del fuorigioco) derivante da un filtrante del centrocampista Viola. A gennaio sono arrivati elementi importanti, magari in condizione non ottimale. I Campani rimangono in fondo alla classifica, una vittoria che fa sicuramente morale, la prima in traferta, per gli uomini allenati da De Zerbi anche se sarà dura raggiungere la salvezza per i campani. Bisogna saperli prenderle cercando di dimostrare qualcosa in più. Futuro? Ne parleremo nei prossimi giorni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE