Amava un italiano, pachistana uccisa

Bruno Cirelli
Aprile 21, 2018

Il terribile omicidio si è consumato in Pakistan, nel distretto di Gujrat, dove la giovane si era recata due mesi fa.

All'origine del barbaro delitto la volontà della ventenne di sposare un italiano. Il delitto sarebbe avvenuto nella regione pachistana del Gujarat, dove la giovane era nata e dove era tornata dalla famiglia un paio di mesi fa. Quindi l'amore con un ragazzo, con il quale stava progettando di sposarsi, seppure i familiari fossero contrari. La sua integrazione, però, le è stata fatale.

Sana lavorava in un negozio di via Milano, mentre la famiglia, che intanto aveva acquisito la cittadinanza italiana, aveva poi deciso di trasferirsi in Germania.

Il padre e il fratello della ragazza, ritenuti responsabili della sua morte, sono stati arrestati dalle autorità giudiziarie e sono attualmente in carcere.

"Brescia, sotto shock, torna a vivere - sottolinea Repubblica - la tragica vicenda di Hina Saleem, la giovane uccisa nell'agosto del 2006 a Ponte Zanano dai familiari e sepolta nel giardino davanti a casa". Tutto il contrario di quello che avviene ancora oggi in molte zone del paese di origine della sua famiglia, dove la tradizione vuole che sia il padre di una ragazza a decidere il suo futuro sposo, alcune volte scelto addirittura nella cerchia dei cugini.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE