Materazzi: 'Se a Madrid ci fossi stato io al posto di Buffon...'

Rufina Vignone
Aprile 19, 2018

"Uno ci si deve trovare in quei momenti - commenta Marco Materazzi, ex difensore dell'Inter e insieme a Gigi campione del mondo al Mondiale a Berlino nel 2006 con la Nazionale -". Quando lo incontrerò gli chiederò se lo rifarebbe un'altra volta, ma Gigi ha dato talmente tanto al calcio italiano che un momento così glielo si può anche concedere, soprattutto quando ti sfugge dalle mani una cosa importante. Può succedere e sono sicuro che tra un po' di tempo magari chiederà scusa. Avrei voluto vedere però se ci fossi stato io al suo posto se qualcuno avrebbe preso le parti mie come è stato fatto con Gigi.

ROMA E TRIPLETE DELL'INTER - "Contro il Barcellona si è vista la consapevolezza della squadra di poter fare qualcosa di importante". Il Barcellona è sempre il Barcellona, ma brava la Roma per aver creato entusiasmo, è stata trascinata dai tifosi, bravi i calciatori a farcela. Sono lì e ora se la giocano.

SKRINIAR - "Ha fatto un campionato strepitoso, con qualche errore ma ci può stare".

"Spero vada l'Inter, significherebbe salire un gradino importante. Lazio-Inter all'ultima giornata? Non me lo ricordate, bruttissima giornata". Quando non sei concentrato soffri con tutti, conta solo come uno va in campo.

"Posso augurargli di alzare qualche trofeo con l'Inter. E quello più forte resta il Fenomeno Ronaldo, anche se si è 'macchiato' nel finale di carriera (col passaggio la Milan, ndr)". "Bisogna averle dentro certe cose, anche perché il leader viene nominato dalla squadra stessa". "Ma ha comunque contribuito, perché Totti si respira anche nell'aria".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE