Mondo avvelenato: il 95% degli abitanti del pianeta respira aria inquinata

Bruno Cirelli
Aprile 18, 2018

E mana mano che la popolazione cinese diverrà più vecchia, gli esperti stimano un aumento delle patologie e delle morti causate dallo smog, se la qualità dell'aria complessiva dovesse rimanere al di sotto degli standard nazionali. Lo afferma un rapporto dell'ong statunitense Health Effects Institute, basato su dati satellitari integrati con il monitoraggio a terra. Problema che grava in particolar modo sui Paesi in via di sviluppo.

Circa 7 miliardi di persone vivono dove le polveri sottili superano i limiti fissati dall'Organizzazione mondiale della sanità.

Restare all'esterno il meno possibile non è una soluzione per un terzo degli abitanti del pianeta, che devono fare i conti anche con l'inquinamento all'interno degli immobili, causato dai combustibili usati per le stufe. Il problema è più acuto in Asia, con India e Cina che da sole portano il peso di metà dei morti stimati, anche se gli sforzi di Pechino stanno facendo diminuire i tassi di inquinamento del paese. "L'inquinamento - spiega Bob O'Keefe, uno degli autori del rapporto - rende più difficile respirare per chi ha problemi ai polmoni, provoca ricoveri all'ospedale, e alle morti premature".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE