Ilaria Alpi: nuovi documenti, si valuta riapertura caso

Bruno Cirelli
Aprile 17, 2018

La procura di Roma, che la scorsa estate aveva chiesto l'archiviazione nel procedimento contro ignoti su autori e mandanti del duplice omicidio -la giornalista Rai Ilaria Alpi e il cameramen Miran Hrovatic- e sul depistaggio delle indagini, oggi presenta nuovi documenti sin'ora inediti che potrebbero cambiare l'iter dell'indagine. Del dialogo intercettato sono stati messi a conoscenza solo di recente i magistrati responsabili del fascicolo. Il giudice Andrea Fanelli, alla luce di questa novità e dei documenti depositati dai legali della famiglia Alpi, ha aggiornato il procedimento al prossimo 8 giugno. In queste settimane gli inquirenti analizzeranno le carte arrivate da Firenze.

Il presidio, promosso da Federazione nazionale della Stampa italiana, Usigrai, Cdr del Tg3, Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti, associazione Articolo21 e rete NoBavaglio, si svolgerà in concomitanza dell'udienza in cui il Giudice per le indagini preliminari valuterà la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Roma.

'Non voglio fare alcun commento, perché mi sono illusa troppe volte' lo sconsolato parere della mamma di Ilaria. "Andiamo avanti insomma, anche se sono stanca", ha commentato la madre di Ilaria, Luciana.

"Sono venuto qui oggi per dare sostegno a Luciana, la mamma di Ilaria Alpi, e per avere giustizia dopo tanti anni". In Somalia non sono più tornato. "È giusto che anche lei abbia giustizia e che l'inchiesta non venga archiviata, e io voglio essere al suo fianco", ha spiegato Omar Hashi Hassan, il somalo che ha scontato da innocente quasi 17 anni di reclusione dei 26 inflitti per duplice omicidio ottenendo un risarcimento danni pari a 3,1 milioni di euro. "Quanto ai soldi, il mio difensore, l'avvocato Tonino Moriconi, dice che i tempi purtroppo saranno lunghi perché il ministero della Giustizia deve prevedere un accantonamento ad hoc della somma".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE