Serie A, Diabaté inguaia il Sassuolo: Verona ko a Bologna

Rufina Vignone
Aprile 16, 2018

Subito il gol, il Verona ha una sola occasione prima dell'intervallo con Cerci che semina Palacio ed Helander ma calcia sull'esterno della rete mentre il Bologna va vicino al bis due volte nel finale di primo tempo: Palacio calcia col destro, Destro devia col tacco e colpisce il palo - ma è in offside - e poco dopo Pulgar calcia da oltre venti metri pescando il sette, ma Nicolas vola e devia in corner con la mano di richiamo.

Marcatori: Verdi 31' p.t., Nagy 49' s.t. Dzemaili ci mette del suo sbagliando banalmente la misura sia al 35° che al 40°, quando non riesce a servire Destro, solo nell'area piccola; la palla poi arriva a Palacio che tira: deviazione di Destro (in fuorigioco) e palo pieno. Il Bologna ci prova al 24 con una sassata di Dzemaili a cui si oppone ancora Nicolas e con un colpo di testa fuori misura di Palacio servito col contagiri da Verdi.

Vittoria fondamentale per il Bologna, che vede la salvezza matematica. Risponde Pecchia inserendo l'ex Petkovic.

"Contento per lui perché vuol dire che la società riconosce delle capacità, è una persona eccezionale, se lo merita tutto, ha delle capacità al di fuori della media". I padroni di casa fanno la gara ma faticano a pungere. Nonostante la volontà messa sul terreno di gioco, la fase offensiva dei gialloblu è rimasta completamente inconcludente, con Lee che ha provato a rianimarla con le sue giocate.

Insiste il Bologna e Dzemaili sfiora il gol ma Nicolas è bravissimo.

Si ferma la corsa Salvezza del Verona, che inciampa a Bologna e perde pesantissimi punti salvezza.

Il secondo tempo si apre col 2-1 del Sassuolo al 60' ancora con Politano: Babacar viaggia centralmente e imbuca indisturbato per Politano, che supera Puggioni con uno scavetto. Nella costruzione della manovra invece la squadra continua a dimostrare di non avere un'identità e neppure un'idea di gioco: raramente infatti le ripartenze si svolgono in maniera corretta e portano un pericolo alla porta avversaria, mentre con la difesa schierata i gialloblu continuano a pagare l'assenza di un attaccante d'area. Vero anche che le alternative a disposizione del tecnico non sono molte, ma forse poteva sfruttare meglio la sua panchina.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE