"Rischiamo una nuova Calciopoli", l'allarme del presidente degli arbitri Nicchi

Rufina Vignone
Aprile 16, 2018

RISCHIO NUOVA CALCIOPOLI - "E' anacronistico che il Coni voglia togliere il diritto di voto all'Aia per aumentarlo ai professionisti", ha dichiarato il numero 1 degli arbitri, secondo il quale si vuole "indebolire il peso politico, minare l'indipendenza e la terzietà per aprire uno scenario che potrebbe essere l'inizio di una nuova Calciopoli". Quanto accaduto è una cosa che devono gestire gli organi internazionali preposti, non esprimo giudizi sull'operato tecnico dell'arbitro. Se ci fosse un arbitro che dà fuori di testa all'improvviso, andrebbe sotto all'esame dell'AIA ma anche dell'organizzazione della Procura Federale.

VAR - Il presidente degli arbitri parla anche del Var: "Questo è uno strumento che funziona, migliorabile e ormai voluto e accettato da tutti".

Ma di cosa ci lamentiamo? Il famoso silent check che permette all'arbitro di non andare sempre a vedere il video. Agnelli non si ricorda dell'episodio di Muntari? "Ci costringeranno a rimanere a casa perche' i genitori non vorranno piu' mandare i figli ad arbitrare - aggiunge - Quest'anno ci sono stati gia' 100 arbitri picchiati, le famiglie non ce la fanno piu' e non possono piu' finanziarli per andare ad arbitrare". Il grande scandalo che ha colpito il calcio italiano nell'estate del 2006 potrebbe tornare realtà: allora la Juventus si vide revocata due scudetti e finì in Serie B, altre squadre (Milan, Lazio e Fiorentina) subirono pesanti penalizzazioni nel campionato seguente e il terremoto fu di vasta scala, anche se probabilmente l'onda lunga delle scosse risvegliarono l'orgoglio della Nazionale che vinse il Mondiale. Se avrei mandato un 33enne ad arbitrare Real Madrid-Juventus? Probabilmente sì se ci sono i segnali da una persona che dà grande affidamento. Chi fa il designatore segue l'arbitro giorno dopo giorno e per ognuno arriva il momento di fare un passo in avanti, come capita esattamente per i calciatori. Collina avrà fatto le proprie valutazioni ritenendo il ragazzo all'altezza. Sono tutti i giorni, in tutti i campi, a difendere la base.

" Si migliora sulla conoscenza approfondita dello strumento, a Coverciano abbiamo un simulatore in tal senso. E da ora in poi saranno ridotti ancora di più". L'arbitro deve votare perché è un diritto democratico.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE