Due afroamericani arrestati da Starbucks, bufera sul colosso del caffè

Paterniano Del Favero
Aprile 16, 2018

Starbucks nella bufera per l'arresto, martedì scorso, senza apparente motivo, di due afroamericani in un suo caffè di Philadelphia.

Starbucks nell'occhio del ciclone per quello che sui social è stato etichettato come un episodio di razzismo.

Il Ceo di Starbucks ha così scritto su twitter: "Chiediamo scusa alle due persone coinvolte e ai nostri clienti e siamo molto dispiaciuti che questo episodio abbia portato a un arresto". I clienti non hanno gradito la scena ed è subito partito l'hashtag #BoycottStarbucks. "Stiamo rivedendo le nostre procedure e ci stiamo impegnando con la comunità e il dipartimento di polizia per fare in modo che questo tipo di situazioni non capitino più, in nessuno dei nostri negozi".

Secondo quanto riportato dalla polizia locale, i due avrebbero provato ad utilizzare la toilette senza prima aver ordinato, cosa assolutamente vietata dalla catena di caffetteria.

A chiamare la polizia è stato un dipendente del locale, irritato dal fatto che i due giovani non ordinassero nulla e, una volta invitati ad uscire, si fossero rifiutati di lasciare il locale. Un portavoce della polizia ha spiegato che una volta arrivati, gli agenti avrebbero cercato la collaborazione del supervisore del negozio per evitare che la situazione sfuggisse di mano. "I miei agenti non hanno fatto nulla di male", ha dichiarato il commissario Richard Ross, che prende le difese dei poliziotti.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE