Benemerenze, M5S: "Consiglieri e Assessori della Lega avrebbero dovuto rappresentare l'istituzione"

Bruno Cirelli
Aprile 15, 2018

Renzi viene infatti considerato da una buona fetta di militanti dem (21,6%) come una delle cause che ha portato il Pd a perdere le elezioni del 4 marzo. Ci sono stati, poi, negli anni, altri modelli, dall'austriaco Jorg Haider (che un giovane Salvini omaggiava nel 2008 su Radio Padania con un "addio grande amico") all'olandese Geert Wilders e all'ungherese Viktor Orban. "Basta teatrini, M5s e centrodestra non perdano tempo". "Forza Italia potrebbe risolvere l'impasse facendosi di lato e consentendo così un governo M5S-Lega", scrivono in una nota i capigruppo M5s Grillo e Toninelli.

Nel frattempo, la delegazione del Pd, uscita dalle consultazioni del Quirinale, ribadisce a Mattarella il proprio ruolo di minoranza, soprattutto dopo la nomina di Molteni e l'evidente opinione opposta sulla posizione da assumere per quanto sta avvenendo in Siria. Si riprende il microfono, cronisti guardate me: "Mi raccomando sappiate distinguere i vecchi democratici da chi non conosce l'abc della democrazia...".

Se Forza Italia ha deciso di sostenere il candidato Baccini in modo autonomo, iniziando cosi una fuga in solitaria, rischia di assumersi due responsabilità: la prima di determinare una spaccatura del centrodestra e legittimare pertanto ogni singolo a intraprendere iniziative al di fuori della coalizione, cosa che noi non vogliamo, e la seconda di favorire i nostri avversari. Il suo nome però, quello del leghista di lotta e di governo, del pontiere di Salvini, dello schivo mediatore, rimbalza non poco. "Abbiamo fiducia nella saggezza e nell'equilibrio del presidente della Repubblica a cui abbiamo rappresentato una serie provvedimenti che gli italiani aspettano".

I valori stimati da Euromedia sono analoghi e sono significativamente differenti solo per Forza Italia che la Ghisleri dà in sofferenza, al 12,5 (in discesa dal 14 delle Politiche).

Ne sa qualcosa Matteo Salvini che è rimasto stritolato tra l'ingombrante alleato e i grillini. Subito dietro il Movimento Cinque Stelle che ha raggiunto il 32%, il Partito Democratico di Renzi con il 18% e Liberi&Uguali per Grasso al 3%. Ma gli attacchi del M5S contro il Cavaliere sono sprezzanti. L'idea è quella di creare una nuova classe politica dirigente.La scuola nasce da un'idea di Matteo Adinolfi coordinatore provinciale di Latina che si rifà alla scuola di formazione fondata dal senatore Armando Siri della Lega; le lezioni avranno cadenza settimanale e sono previsti corsi di aggiornamento anche per gli Amministratori. "Con la Lega è inutile dire che c'è una sinergia istituzionale che ha permesso di rendere operativo il Parlamento immediatamente", ha detto ancora Di Maio. "L'Europa ci isolerebbe completamente, banche che fallirebbero e quindi ci sarebbe per l'Italia un destino assolutamente da scongiurare".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE