La super partes Casellati esterna: emarginare Berlusconi è una ferita alla democrazia

Bruno Cirelli
Aprile 15, 2018

Le posizioni dei partiti, infatti, sono rimaste le stesse, e trovare una quadra sembra quasi impossibile. Sono solo quattro i nomi che Mattarella può prendere in considerazione per un eventuale pre-incarico.

Consultazioni e fibrillazioni. Cominciano a circolare le prime indiscrezioni sul nome di una "figura terza" a cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella potrebbe affidare un incarico esplorativo. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti.

"Siamo tutti accanto al Presidente Mattarella nella ricerca di soluzioni ed e' un compito, come potete immaginare, estremamente difficile, complesso e presenta una sua innegabile urgenza", ha sottolineato ieri mattina l'ex capo dello Stato, Giorgio Napolitano, dopo il colloquio al Quirinale con il suo successore, con la convinzione di esprimere "un sentimento comune anche ai presidenti di Camera e Senato".

Due al momento le ipotesi sul tavolo, che vengono vagliate senza che l'una sia ritenuta piu' probabile dell'altra.

Dire di no a un mandato esplorativo sarebbe difficile. Un eventuale tentativo a vuoto, portato avanti da chi si è definita iper-berlusconiana, potrebbe, suo malgrado, indebolire la forza del partito azzurro. "E poco importa - riflette un esponente forzista - che si tratterebbe di vedere se ci sono i numeri per un incarico a Giorgetti, Casellati avrebbe poche chances, si tratterebbe di prendere tempo". "Sarebbe costretto a trattare con Berlusconi", la tesi. Ma la 'carta' Fico resta di difficile attuazione in quanto si tratta della terza carica dello Stato. L'ipotesi Casellati del resto e' stata evocata esplicitamente dallo stesso Giorgetti ieri e non sarebbe sgradita a via Bellerio. Non ci deve essere uno che ci sta ed un altro che non ci sta. "Chiedere a qualcuno di andare a cercare voti che non ci sono mi sembra inutile".

Dunque ancora qualche giorno per capire quale sara' la direzione della partita sul governo. L'esito e' incerto e sul tavolo c'e' sempre l'eventualita' che, nonostante gli appelli del Capo dello Stato, si vada oltre alla data delle elezioni regionali. Il rinvio della soluzione darebbe più forza a M5s e soprattutto alla Lega di puntare sullo schema utilizzato per le elezioni dei vertici istituzionali.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE