Di Francesco verso il Derby: "Manolas e Florenzi in dubbio"

Rufina Vignone
Aprile 14, 2018

Archiviata l'Europa, è tempo di derby. Questa la conferenza, riportata da vocegiallorossa.it. Queste le parole alle domande dei cronisti presenti: "Come si gestisce l'euforia?". Seguiremo le parole del trainer giallorosso attraverso la nostra diretta testuale in vista del derby capitolino, ultima gara del 32° turno di Serie A. Prende la parola il tecnico: "Ben venga una gara come quella contro la Lazio, queste si preparano da sole dal punto di vista emozionale, rimettere in campo la determinazione e voglia di prevalere in questa gara che vale più di tre punti".

Il nuovo modulo? "Abbiamo fatto il 3-4-2-1 o 3-4-3". Una scelta ponderata che mi ha fatto capire che si può giocare anche così. Siamo arrivati fin qui giocando col 4-3-3, ricordiamolo. Nulla diventa importante se non si interpreta il tutto con determinazione, cattiveria, convinzione e l'atteggiamento giusto. I numeri vanno a farsi friggere se non c'è l'atteggiamento corretto.

Schick gioca? "Non parlo di formazione, potrebbe giocare lui o Ünder".

Cosa colpisce più di tutto di Dzeko?

"Ha qualita impressionanti, sia tecniche che fisiche. Mi auguro che ripeta queste prestazioni, sia con le grandi squadra e sia contro le squadre meno blasonate".

E' una partita che può cambiare la storia della Roma? .

"E' stato qualcosa di straordinario e inaspettato". Dopo l'infortunio il giocatore si è sottoposto a controlli che hanno fortunatamente escluso la presenza di frattura, Defrel ha avviato il percorso riabilitativo necessario e, secondo quanto riporta Il Messaggero, dovrà stare fermo per circa 15 giorni. "Dobbiamo trattare tutte le partite allo stesso modo, questo ci farà crescere".

Lei al fischio finale è andato negli spogliatoi, perché? .

E' una cosa che faccio sempre ultimamente, da più gare, preferisco lasciare spazio ai ragazzi e ai miei collaboratori nell'andare a festeggiare e godere di questo momento. "Quello che dovevo esternare l'ho esternato all'interno dello spogliatoio". Perotti non sarà rischiato ed è più probabile che la convocazione arrivi mercoledì col Genoa. Defrel non lo sappiamo, lo valuteremo nel corso del tempo quale sarà il suo problema alla caviglia. Questo era fondamentale e volevo poi avvicinare qualche giocatore in più a Dzeko e abbiamo avuto dei risultati importanti ma non è detto che sia la soluzione a tutto. Importanti gli allenamenti di oggi e domattina. L'allenamento mi darà qualche responso e maggiore sicurezza sulla formazione da mandare in campo contro la Lazio perché qualche problemino c'è stato nelle scelte che si sono fatte con lo Shakhtar con qualche giocatore a metà. Però questo modulo è un grande valore aggiunto per questa Roma ma domani potremmo tornare anche al 4-3-3. Ma ora conta l'atteggiamento, siamo stati sempre bravi a far uscire i centrali per l'aggressione e quindi difendevamo più a 4 che a 5.

La fisicità è una delle principali qualità della Roma? "La fisicità è importante per arrivare al top in europa, a certi livelli è fondamentale". Chi arriva meglio, Lazio o Roma? Questa è una gara da prendere con le molle, loro saranno rabbiosi come noi eravamo feriti col Barcellona, dopo la gara contro la Fiorentina. "Dobbiamo avere la qualità di prepararla allo stesso modo, soprattutto mentalmente".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE