Cassazione accoglie ricorso dei pm genovesi: sì a sequestri fondi Lega

Paterniano Del Favero
Aprile 14, 2018

La Suprema Corte, dopo una camera di consiglio accolta ieri, ha deciso l'annullamento con rinvio dell'ordinanza impugnata e l'integrale trasmissione degli atti al Riesame di Genova, che dovra' quindi ripronunciarsi sulla questione. Nella sentenza, si prevede anche che la Lega debba restituire allo Stato i 49 milioni di euro di rimborsi elettorali usati indebitamente.

Bisognera' attendere le motivazioni, che di norma vengono depositate entro un mese, per capire quali saranno le indicazioni che la Corte dara' al Riesame per la rivalutazione del caso.

In sostanza la Cassazione ha dato il via libera a estendere il blocco dei fondi anche alle somme che arriveranno in futuro alla Lega. I giudici di piazza Cavour hanno invece rigettato il ricorso di Umberto Bossi contro la decisione del Riesame di confermare nei suoi confronti il sequestro di somme. Sui conti del Carroccio, però, c'erano solo due milioni, così i pm avevano chiesto più volte di poter sequestrare anche le somme che in futuro sarebbero entrate. Con quel verdetto, i giudici genovesi accordarono il sequestro a fini di confisca di circa 49 milioni di euro, limitandolo tuttavia a ciò che la Finanza avrebbe trovato alla data di emissione del provvedimento (settembre 2017). I giudici del Riesame avevano negato tale possibilità spiegando che il denaro andava cercato nei conti e tra gli immobili delle persone fisiche, in primis il Senatur e poi tutti gli altri.

Intanto uno degli ex revisori contabili della Lega ha presentato un esposto in procura e il procuratore aggiunto Francesco Pinto e il sostituto Paola Calleri hanno aperto una inchiesta per riciclaggio. In altre parole, nell'opinione dei pm, quei fondi sono stati incamerati, riutilizzati e forse messi al sicuro dai sequestri consapevolmente dalla Lega durante le gestione di Umberto Maroni e quella, attuale, di Matteo Salvini. Un arco temporale in cui il partito, che all'inizio si era costituito parte civile contro il suo fondatore, aveva rinunciato a ogni pretesa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE