Porto di Genova, sequestrate 21 tonnellate di farmaci falsi

Paterniano Del Favero
Aprile 13, 2018

Si tratta di 21 tonnellate di prodotti trovati in un container sbarcato da una nave proveniente dall'India.

Quasi a confermare la necessità dell'iniziativa di informazione e sensibilizzazione sui crimini farmaceutici promossa e lanciata dall'Ordine dei Farmacisti di Roma in collaborazione con Aifa e i Nas e con la partecipazione di Federfarma Lazio, arriva la notizia di un maxi-sequestro operato dai finanzieri del II Gruppo della Guardia di Finanza di Genova, che nell'ambito dell'attività di controllo e monitoraggio dei flussi marittimi e commerciali nel porto della città ligure, nel corso di un'operazione denominata "Falso terapeutico" hanno sequestrato 21 tonnellate di farmaci falsificati.

Secondo gli investigatori tali medicinali erano destinati ad essere messi in commercio, anche in Italia nei negozi etnici, per lo sbiancamento cutaneo, una pratica particolarmente diffusa in molti paesi africani a fini estetici.

Le indagini sono state dirette dal sostituto procuratore Daniela Pischetola.

L'illecito carico, dichiarato come cosmetici, era in realtà costituito da prodotti medicinali (classificazione confermata dall'Agenzia Italiana del Farmaco), diretti in Ghana, destinazione verso la quale viaggiava fraudolentemente scortato da un documento doganale di transito comunitario. Le creme, è stato spiegato dagliinvestigatori, se usate in modo inappropriato possono causaredanni alla salute facendo insorgere anche diabete, ipertensionearteriosa o malfunzionamento dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene. Le fiamme gialle hanno denunciato a piede libero il titolare di una nota azienda milanese che da diversi anni si occupa del commercio all'ingrosso di medicinali. Le fiamme gialle stanno proseguendo con gli approfondimenti investigativi per verificare la regolarità di analoghe spedizioni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE