Terremoto: continuano le scosse nelle Marche

Barsaba Taglieri
Aprile 12, 2018

Torna a tremare la terra nelle Marche.

Dopo la scossa di magnitudo 4.6, registrata questa mattina alle 5.11, a 2 km da Muccia, in provincia di Macerata, si contano i danni. Lo indica la mappa della percezione del terremoto messa a punto dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), sulla base di 590 questionari compilati finora online dalla popolazione sul sito 'Hai sentito il terremoto?'.

Nelle zone di Macerata, la terra ha tremato ancora nella notte appena passata, tra martedì 10 aprile e mercoledì 11 aprile. Alessandro Gentilucci, sindaco di Pieve Torina, ha riferito di "ulteriori danni rispetto a quelli già avuti" dal forte terremoto del 2016.

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata registrata a Ocre in provincia dell'Aquila alle 6,49 di stamani. La scossa è stata avvertita anche nell'Umbria e in parte del Lazio. "La gente è stanca, siamo tutti stanchi, qui la paura non è mai passata dal 24 agosto del 2016 e la scossa di 4,6 di stanotte aggrava tutto" aggiunge. "Abbiamo dei danni e stiamo verificando anche le Sae". Il segretario Generale del Mibact, Carla di Francesco che sottolinea come "il personale del Mibact sia già in loco in stretto contatto con il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, la Protezione Civile e i Vigili del Fuoco". Da un primo sommario esame non sembrano essersi verificati crolli importanti.

La scossa come ha riferito il sindaco Mario Baroni: "ha fatto crollare il piccolo campanile della Chiesa del ´600 Santa Maria di Varano".

Trenitalia ha deciso di sospendere a scopo precauzionale la circolazione lungo la linea interna Civitanova Marche-Macerata per effettuare controlli sulla tenuta della strada ferrata. La protezione Civile al momento non segnala feriti mentre i sindaci dei comuni interessati parlano di "notevoli danni". Oggi chiusura delle scuole.

Senza nascondere i suoi timori ha poi proseguito: "Siamo in un tunnel, ogni tanto si vede la luce poi tona il buio". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies leggi l'informativa estesa. Anche allora il sisma venne nettamente avvertito dai tanti turisti che affollavano la zona. Sono in molti ad aver scelto di rimanere fuori casa per motivi di sicurezza.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE