Ragazza di 16 anni muore dopo aver assunto farmaco anti-ansia: è allarme

Barsaba Taglieri
Aprile 12, 2018

Sono sempre di più i giovani che si affidano alle cure di questi particolari farmaci che combattono l'ansia e riescono a rilassare l'individuo. Purtroppo si tratta del secondo caso avvenuto in pochi giorni e anche due anni fa una ragazza di 16 anni Britney Mazzoncini morì soltanto qualche settimana dopo avere iniziato a prendere la medicina. Ora la madre della giovane si sta dedicando ad una importante campagna di sensibilizzazione e ha dichiarato di essere stata molto colpita per la morte di Lucy. Tornando alla giovane, pare che sia morta improvvisamente al Glasgow Queen Elizabeth University Hospital senza spiegazione, almeno inizialmente. Poi, i risultati delle analisi della Scottish Fatalities Investigation Unit (SFIU) hanno rilevato un sospetto di intossicazione dal farmaco, che viene di solito prescritto per curare ansia e depressione.

Una sedicenne di Glasgow, Lucy Curran, è morta per sospetta intossicazione da propranololo, un farmaco anti ansia contenente betabloccanti, come riportano i siti britannici.

Toni Giugliano, dell'associazione scozzese sulla salute mentale, ha voluto esprimere la propria opinione partendo proprio da questo punto. Dobbiamo capire se questo è dovuto a un numero maggiore di persone bisognose di aiuto o alla mancanza di servizi alternativi offerti. In Scozia le autorità, in seguito a questo caso, hanno persino deciso di sottoporre gli antidepressivi a uno stretto controllo: bisognerà registrare e controllare periodicamente tutte le marche e i farmaci che saranno prescritti, in modo da rassicurare la popolazione e fare in modo che dei casi del genere non accadano mai più. L'esperto ha sottolineato la necessità di indagare sulle modalità di prescrizione del farmaco, che a quanto pare manifesta un trend in aumento nonostante esista il concreto rischio che si riveli pericoloso per la salute. Anche in questo caso sarebbe stata colpa del propranololo: Britney era ancora una 14enne ma non le serviva il consenso dei genitori per assumere gli antidepressivi che l'hanno condotta alla morte.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE