Pensioni, l'Inps: accolte quasi 7.000 domande di Ape volontaria

Paterniano Del Favero
Aprile 11, 2018

Per quanto riguarda i lavoratori che vanno in pensione con requisito contributivo, dal primo gennaio 2019 al 31 dicembre 2020 sono necessari 43 anni e tre mesi per gli uomini, mentre per le donne servono 42 anni e tre mesi.

Altri requisiti invece per i lavoratori precoci. Entreranno infatti in vigore dal prossimo 1° gennaio 2019 le novità comunicate dall'INPS in tema di adeguamento dell'età pensionabile al terzo aggiornamento ISTAT delle speranze di vita.

Andando a vedere le novità riguardanti la somma tra anni di contributi ed età anagrafica, vengono riviste le quote.

Per coloro che hanno cominciato a lavorare dal 1996 per l'accesso alla pensione anticipata con almeno venti anni di contribuzione effettiva e con il requisito del c.d. importo soglia mensile ( 2,8 l'assegno sociale) e che, dal 1° gennaio 2019, il requisito si perfeziona al raggiungimento dei 64 anni. Un criterio che potrebbe ulteriormente cambiare a partire dal primo gennaio del 2021, quando si potrà andare incontro a un nuovo incremento delle speranze di vita.

Alla pensione di vecchiaia e di anzianità in regime di totalizzazione continua ad applicarsi la disciplina della c.d.

La medesima norma stabilisce che, a decorrere dal 2021, gli adeguamenti biennali non possono in ogni caso superare i tre mesi. Circa duecentomila le simulazioni.

"Secondo i dati che ci ha fornito ieri l'Inps - ha reso noto Gianfranco Torriero, Vice direttore generale dell'Abi - sono 71 le certificazioni rilasciate dall'Inps a coloro che hanno maturato i requisiti pensionistici tra il 1° maggio 2017 e il 17 ottobre 2017 e che quindi debbono presentare la domanda entro il 18 aprile se intendono ottenere gli arretrati di Ape maturati".

Intanto l'Inps ci fa altresì sapere che sono 6.684 le domande di certificazione del diritto all'anticipo finanziario a garanzia pensionistica (APE) volontario che risultano accolte fino ad oggi.

L'Inps precisa inoltre che 5.000 sono relative a coloro che possono richiedere, entro il 18 aprile 2018, i ratei arretrati maturati, e 214 sono coloro che, al fine di integrare il requisito minimo di durata dell'Ape, devono necessariamente richiedere, entro il 18 aprile 2018, i ratei arretrati maturati. Le domande di certificazione del diritto all'Ape volontario possono essere presentate online dal 13 febbraio scorso. Contestualmente al rilascio della procedura per le certificazioni di cui sopra, è stata predisposta quella per la presentazione online della domanda di APE volontario, che consente il colloquio telematico fra cittadino, Inps, istituti finanziatori e imprese assicuratrici, e che verrà resa disponibile non appena arriverà l'adesione formale da parte degli istituti bancari interessati.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE