Nicchi sbotta: "Arrivati plichi con pallottole a me e Rizzoli. Adesso basta"

Rufina Vignone
Aprile 5, 2018

"È un fatto nel dominio della Digos e all'attenzione del Viminale e del ministro degli Interni". Queste le parole del presidente dell'Associazione italiana arbitri Marcello Nicchi nella conferenza stampa convocata a Roma. E ancora: "L'arbitro Di Bello, che ieri ha arbitrato benissimo Milan-Inter, dovrà comparire in tribunale davanti al giudice di pace".

Inoltre, come riporta il 'Corriere dello Sport', gli arbitri lamentano anche alcuni diritti-doveri in merito alle elezioni Federali, una sorta di mancanza di potere che la casta arbitrale fatica a mandare giù. Questa è una delle cose gravissime che stanno accadendo.

Ci sono tesserati della Federcalcio che parlano di malafede della classe arbitrale - ha aggiunto Nicchi - non ho sentito una parola da parte di nessuno al riguardo. Nicchi ha proseguito così: "C'è un giornalista professionista che in una trasmissione ha affermato: "Hanno dichiarato guerra a un popolo e in guerra non si va suonando lo zufolo, si va sparando. Dopo la denuncia in seguito a questo episodio, abbiamo ricevuto plichi con pallottole..." ha concluso". Tutti hanno detto che siamo stati bravi ad introdurre uno strumento che fa giustizia poi ci può essere qualcosa da perfezionare ma credo che l'avvento della Var sia qualcosa che ci distingue. Il riferimento è all'iniziativa presa da undici tifosi della Lazio nei confronti di Giacomelli e Di Bello, per le decisioni prese durante il match contro il Torino. "Var anche in Serie B?"

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE