I processori Intel Core i9 arrivano finalmente sui computer portatili

Geronimo Vena
Aprile 4, 2018

Oggi Intel annuncia l'estensione della famiglia di prodotti core, ma anche l'introduzione delle CPU Core i9 per la fascia alta di notebook, oltre a un miglioramento dei prodotti per il segmento mainstream laptop (ora con grafica Iris Plus). È questa l'indiscrezione pubblicata da Bloomberg che fa tremare entrambe le realtà per le implicazioni che questa scelta avrebbe sulla produzione dei processori e dei computer della mela.

Dal 2020 Apple sarebbe pronta a dire addio ad Intel ed ai suoi processori. Per l'altra azienda sarà un grave perdita in quanto al momento si stima che il 5% delle entrate arriva solo da Apple.

Un elemento frutto dei pochi cambiamenti in ambito chip effettuati all'interno dell'ecosistema dei Mac, di fatto passati dai PowerPC di IBM ai processori di Intel, che hanno portato avanti la loro presenza nell'ecosistema della mela fino ad oggi. Tutti gli altri, però, vedranno con molta probabilità l'arrivo dei processori proprietari, basati su tencnologia AR. Se da un lato questa soluzione può sembrare meno costosa perché non richiede l'acquisto di processori di terze parti, dall'altro è in realtà molto esigente in termini di ricerca e sviluppo.

V'è da ricordare inoltre che Apple ha già iniziato ad usare alcuni co-processori proprietari all'interno dei propri sistemi Mac: ad esempio Apple T1 è il chip che all'interno dei sistemi MacBook Pro si occupa della gestione della TouchBar e dell'autenticazione TouchID, mentre Apple T2 è presente sotto la scocca di iMac Pro per gestire alcune funzionalità di sistema agendo da controller di alcune periferiche, oltre a rappresentare la "Secure Enclave" per le chiavi private. Costruire i prossimi Mac intorno ai propri chip consentirebbe ad Apple di avere maggiore flessibilità nel rilasciare nuovi prodotti e di rendere questi computer ancora più performanti controllando più da vicino gli aspetti dei consumi energetici e della sicurezza.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE