Torino, Mazzarri: 'Ora Ljajic ha capito cosa voglio'

Rufina Vignone
Marzo 31, 2018

Sabato 31 marzo, presso la Sardegna Arena di Cagliari, si disputerà il match tra Cagliari e Torino, valido per la trentesima giornata del campionato italiano di Serie A. I piemontesi affrontano un pessimo momento di forma e sono reduci da quattro sconfitte ed una sola vittoria nelle ultime cinque partite disputate e attualmente occupano la decima posizione in classifica con 36 punti. "Avevo messo Baselli all'inizio lì e si è fatto subito bene".

SU TITOLARI E SINGOLI - "I tre nomi per domani sono Ceppitelli, Padoin e Sau". Miangue ha piede, forza e corsa. Può migliorare, così come Romagna e Barella: "non dimentichiamoci che sono ragazzi e hanno margini di miglioramento, vale anche per Han e Ceter".

Ancora, sul filotto importante di partite: "Quando inizia un ciclo di partite ravvicinate è sempre importante iniziare bene". Giochiamo in casa, e' importante fare punti. A maggior ragione nel finale di stagione.

Diego Lopez ha parlato poi degli errori commessi contro il Napoli: "Col Napoli abbiamo preso due gol così, dobbiamo evitare questi errori". Il Benevento ha battuto anche la Samp che sta più in alto di noi, sono ultimi ma dopo il mercato sono cresciuti. "Le partite non le vinciamo perché siamo il Cagliari, dobbiamo giocare sempre con determinazione, altrimenti facciamo fatica".

SU L" ATTEGGIAMENTO - "Oggi ho ricordato ai ragazzi lapartita dell'andata, il Torino aveva un altro allenatore ma era in difficoltà. Ho letto che potrebbero passare al 3-5-2, ma a prescindere dal loro modulo dovremo cercare di non farli respirare, giocare la nostra partita con tanta aggressivita' e determinazione.

LJAJIC - "Si rimpiange sempre chi non gioca, e quando scende in campo, viene criticato". Dobbiamo portare la gente dalla nostra parte: anche nei passaggi brevi dobbiamo mostrare decisione e velocità.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE