Ethenea: la Fed prossima al rialzo dei tassi per il 2018

Paterniano Del Favero
Marzo 21, 2018

Mercoledì sera seguiremo le decisioni sulla politica monetaria della Federal Reserve. Uno è quasi certo (l'aumento del tasso di riferimento di 25 punti base, ovvero dello 0,25%) mentre gli altri due sono decisamente più difficili da prevedere secondo Yves Longchamp, Head of Research di ETHENEA Independent Investors. Per Powell la prima riunione da presidente sarà dedicata a cercare un equilibrio fra un'inflazione bassa sotto l'obiettivo del 2% e i falchi della Fed che spingono a guardare più al rischio di un surriscaldamento dell'economia che ai prezzi. Per il 2018 aumenta il numero dei partecipanti della Fed che ritengono necessari quattro rialzi dei tassi di interesse: sono sette su 15, rispetto ai 4 su 16 di dicembre. Innanzitutto, in linea con il flusso costante di dati economici positivi che si è registrato fino a ora, lo scenario macroeconomico già di per sé costruttivo sarà probabilmente rivisto per renderlo più favorevole. Le stime diffuse dalla Banca Centrale americana sono arrivate al termine della seconda riunione dell'anno del Fomc, il braccio di politica monetaria della Banca Centrale, durante la quale i tassi di interesse sono stati alzati, come previsto, da un range tra 1,25 e 1,50% a un intervallo tra l, 50 e 1,75%. Si tratta di una circostanza che potrebbe in effetti creare preoccupazione sui mercati, con la Fed che potrebbe fare ben poco al riguardo se non, naturalmente, evitare quattro rialzi dei tassi. Pertanto, egli dovrebbe rappresentare un elemento di continuità piuttosto che di cambiamento.

Quello che non si sa è come affronterà la conferenza stampa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE