Coldiretti, aumentano imprese under 35

Paterniano Del Favero
Marzo 21, 2018

E' cresciuto nel 2017 di un ulteriore 6,6% in Puglia il numero delle imprese agroalimentari under 35 sul totale delle aziende agricole, con 5544 giovani 'innovatori' che in agricoltura sono riusciti a rappresentare prospettive future e ne hanno fatto un mondo di pionieri, rivoluzionari e attivisti impegnati nel costruire un mondo migliore per se stessi e per gli altri - dice Coldiretti Puglia - perché dai campi non viene solo una risposta alla disoccupazione e alla crescita del Paese, ma anche una speranza rispetto ai tanti giovani costretti a cercare lavoro all'estero. "Premio particolarmente atteso dalle tantissime aziende agricole sarde che detengono il record di crescita (le under 35) nel 2017 rispetto all'anno prima- sottolinea Coldiretti -". Il ritorno delle nuove generazioni in campagna è ormai una realtà. "Ma sono anche attente al sociale, al turismo e alla valorizzazione del mondo rurale". Cibo, agricoltura e innovazione, ma non solo. Il mondo agroalimentare - spiega Coldiretti - ha molte sfaccettature e diramazioni, che vanno a toccare e legarsi a molti altri settori, dal design al turismo. La prima, "Impresa3.Terra", premierà i progetti di quelle giovani aziende agroalimentari che hanno creato una cultura d'impresa esemplare, riuscendo a incanalare creatività, originalità e grande abilità progettuale per lo sviluppo e la crescita dell'agricoltura italiana coniugando tradizione e innovazione.

Sono sei le categorie di concorso, eccole.

Sostenibilità ambientale è "la parola d\'ordine di quei progetti che promuovono un modello di sviluppo sostenibile, riducendo al minimo la produzione di rifiuti, risparmiando energia e materiali attraverso processi che tutelano l\'ambiente".

"Si tratta dell'avvio di una mobilitazione popolare nei confronti dell'Unione Europea per fermare il cibo falso e proteggere la salute, tutelare l'economia, bloccare le speculazioni e difendere l'agricoltura italiana - ha detto Antonio De Concilio, direttore di Coldiretti Toscana - Nonostante i passi in avanti, infatti, permangono ancora ampie zone d'ombra e ogni giorno rischiano di finire nel piatto alimenti di bassa qualità e origine incerta che mettono a rischio la salute, come dimostrano i ripetuti allarmi alimentari che si propagano rapidamente a livello planetario per la mancanza di trasparenza: dall'ultimo caso del latte in polvere francese alla salmonella per i bambini alla carne di cavallo spacciata per vitello nei ragù, dai prosciutti ottenuti da maiali olandesi alimentati con mangimi alla diossina fino al succo di arance brasiliane trattate con il carbendazim, un pesticida vietato in Europa". Possono partecipare Enti Pubblici, Cooperative e Consorzi capaci di creare sinergia con realtà agricole a fini sociali. "Creatività", infine, centra l'attenzione sull'originalità di idea, di prodotto e di metodo.

"E' un premio che valorizza i giovani agricoltori, aiuta a fare rete, confrontarsi - spiega Angelo Cabigliera, delegato regionale di Coldiretti Giovani in Sardegna -". Le iscrizioni sono aperte dal 9 marzo al 15 aprile 2018 e si possono presentare attraverso il sito web http://giovanimpresa.coldiretti.it o rivolgendosi agli uffici della Coldiretti. "Una esperienza ed una vetrina sempre più importante che da spazio a idee innovative e creative che stanno allargando i confini dell'agricoltura che si intreccia e collabora con i settori più disparati".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE