Palermo a Novara con scelte obbligate in difesa. Le probabili formazioni

Bruno Cirelli
Marzo 17, 2018

È finita con un recupero "mostre", quasi dieci minuti, per una serie di incidenti di gioco e per una interruzione per soccorrere il tecnico del Palermo, Bruno Tedino, colto da malore in panchina dopo essere stato colpito, così ha affermato lo staff rosanero, da un oggetto scagliato dagli spalti. Fuori da lungo tempo Morganella ed Ingegneri alle prese con la riatletizzazione insieme ad Aleesami, nelle mani dei fisioterapisti Bellusci, peraltro squalificato, e Rajkovic, mister Tedino si trova ad affrontare l'insidiosa trasferta di Novara con gli uomini contati in difesa. Passato in prestito dalla Sampdoria la scorsa estate, il centrocampista genovese ha collezionato finora 6 presenze e nell'ultima gara, vinta per 1-0 contro il Frosinone, è tornato titolare sfoderando un'ottima prestazione, nonostante la posizione in campo non fosse la più consona alle sue caratteristiche.

Ad aumentare le preoccupazioni di Tedino e dei tifosi rosa contribuisce lo spauracchio delle convocazioni in nazionale previste per la prossima settimana: oltre agli infortunati, al Palermo, contro Carpi e Virtus Entella, potrebbero mancare Posavec, Struna, Trajkovski, Nestorovski, Balogh e Chochev. Ma non sarà facile.

NOVARA (4 - 4 - 2): Montipò; Troest, Golubovic, Chiosa, Calderoni; Moscati, Ronaldo, Casarini, Di Mariano; Puscas (Macheda), Sansone.

In porta conferma per Pomini, difesa a tre e formata da Dawidowicz, Struna e Szyminski.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE