Wim Wenders fa un film sul Papa

Bruno Cirelli
Marzo 13, 2018

Dario Edoardo Viganò, di realizzare un film che non fosse su Papa Francesco ma con Papa Francesco.

In tutto il film, Papa Francesco condivide la sua visione di Chiesa e la sua profonda preoccupazione per i poveri, il suo impegno per le questioni ambientali e per la giustizia sociale; il suo appello per la pace nelle aree segnate dai conflitti e per la pace e il dialogo tra le diverse religioni.

"Papa Francesco. Un uomo di parola" è prodotto da Wim Wenders con Samanta Gandolfi Branca, Alessandro Lo Monaco ("L'esercito più piccolo del mondo"), Andrea Gambetta e David Rosier ("Il sale della Terra").il film è una produzione di Célestes Images, Vatican Media, Solares Fondazione delle Arti, PTS Art's Factory, Neue Road Movies, Fondazione Solares Suisse e Decia Films. Nel film viene richiamata anche la figura di San Francesco, alla quale si ricollega la scelta del nome del Papa, attraverso resoconti dei momenti leggendari nella vita privata del Santo, riformatore ed ecologista.

Papa Francesco - Un uomo la sua parola verrà distribuito nelle sale americane il 18 maggio 2018. In un'epoca di profonda sfiducia nella politica e nel potere, nel momento in cui bugie, corruzione sono all'ordine del giorno, Papa Francesco - UN UOMO LA SUA PAROLA mostra un uomo che vive esattamente nel modo che predica e che si è guadagnato la fiducia del popolo di tutte le fedi, tradizioni e culture del mondo.

Il documentario non vuole quindi ripercorrere la storia del Papa, ma piuttosto presentarsi come una lunga chiacchierata che il Santo Padre intrattiene direttamente con i propri fedeli. "Dario Viganò, per prima cosa ho tirato un respiro profondo, poi sono andato a fare il giro del palazzo".

Win Wenders ricorda così la partecipazione di Papa Francesco alle riprese: "Sono sempre rimasto molto colpito di come Francesco fosse aperto a ogni domanda e di come abbia sempre risposto in maniera diretta e spontanea". Venne fuori che mi offriva carta bianca, dandomi la possibilita' di buttare giu' un'idea e decidere io stesso come mi sarei immaginato il film. "E dopo ciascuna delle quattro lunghe sessioni (di colloquio), si è preso il tempo per stringere la mano a tutti, senza fare differenza tra il produttore, il direttore, l'elettricista o l'assistente". Ho detto di si'.

"C'è voluto un po' prima che la mia idea prendesse forma, che il finanziamento andasse a buon fine e per organizzare le prime riprese con Papa Francesco".

"Mai perda il suo incrollabile coraggio". È l'augurio che Wim Wenders rivolge al Pontefice nell'intervista a Vatican News. Ma ora, in occasione dei cinque anni di pontificato, è arrivato il trailer di Papa Francesco. "Avevo già la più alta considerazione per Papa Francesco prima ancora di conoscerlo, solo per averlo visto in televisione, aver letto i suoi discorsi o le sue encicliche - osserva Wenders -". Mi resi conto che un progetto di questo genere comportava una grandissima responsabilita'; comunque, un compito totalmente diverso da qualsiasi film avessi girato fino ad allora. Gli ho sentito chiedere la stessa cosa alla gente in tutto il mondo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE