Vettel coccola la nuova Ferrari: "È una buona base da cui partire"

Rufina Vignone
Marzo 13, 2018

Alla luce di questo ragionamento pensare che le frecce d'argento non siano davanti anche dopo un anno di evoluzione è pura fantasia anche perché a Brackley hanno dimostrato di saper lavorare in maniera molto efficace anche durante lo svolgimento del campionato oltre che in inverno; tuttavia le chances della Ferrari rimangono intatte per una serie di motivi.

Il teutonico ha, dunque, analizzato quanto accaduto nei test di Barcellona valutando positivamente il lavoro svolto e la nuova macchina: "Credo che la nostra SF71H sia una buona base da cui partire - ha dichiarato Vettel - Ora lavoreremo sullo sviluppo per esplorarne e migliorarne ancora il potenziale. Abbiamo fatto bene anche in termini di distanza percorsa, coprendo 4.323 km complessivi", ha proseguito. "Penso sia normale che dopo i primi giorni di test ogni team cerchi di portare il fornitore di gomme nella direzione che più si adatta alla propria vettura", ha affermato. Ho molta fiducia nella squadra, conosco le capacità e la dedizione dei ragazzi di Maranello. Rimane però la sensazione che qualcosa non abbia funzionato nella 2° settimana; la Ferrari non è sembrata andare al limite e gli approcci in curva erano spesso prudenti oppure così stabili da passare inosservati; si è parlato della ricerca dell'assetto giusto e questo può essere un motivo visto che la macchina è anche un poco più lunga nel passo, se uniamo questo fattore a delle gomme diverse dal 2017 possiamo forse dire che problemi veri non ce ne dovrebbero essere se non nel settaggio di alcuni parametri. I nostri avversari, Mercedes e Red Bull, hanno usato un solo tipo di pneumatico per la simulazione di gara. "Non vedo l'ora di cominciare, ho fiducia nella nostra auto". Lewis è un quattro volte iridato, uno dei migliori della Formula 1. E' un grande rivale in pista, ma non nella vita.

Un Mondiale che potrebbe giocarsi sui dettagli, nel quale commettere un errore potrebbe rivelarsi fatale, vedi la partenza di Singapore della scorsa stagione, nella quale le Ferrari vanificarono una prima fila e una possibile vittoria con una carambola pochi metri dopo il semaforo verde: "E' stata dura da digerire".

Il Mondiale 2018 porta con se anche la novità Halo: "Non è di certo bello da vedere, ma la sua funzionalità e quella di garantire la sicurezza e se salverà anche una sola vita il suo utilizzo sarà giustificato". Tutti possono giudicare e formarsi un'opinione, la vita va avanti. È andata così. Si poteva fare meglio? Onestamente non mi importa contro chi gareggio, ma è ovvio che se batti Hamilton o Alonso in definitiva è meglio e ti fa essere orgoglioso. "È noto l'elevatissimo livello di Lewis o Fernando". Le grid girls non ci sono più?

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE