Tirreno-Adriatico, l'arrivo di Filottrano emoziona Aru: "rivedere le immagini di Scarponi…"

Rufina Vignone
Marzo 13, 2018

Quest'anno invece, stante le bizzarrie del tempo, il ritorno delle bici avviene insieme a nevicate e temporali. Mancano ancora due mesi all'inizio del Giro d'Italia (4 maggio a Gerusalemme) ma quanto è successo negli ultimi giorni non lascia certamente dormire sonni tranquilli al capitano del Team Sky. Che solo lì, soltanto oggi poteva esistere. A 11 km dal traguardo anche il dominatore Cataldo viene ripreso dal gruppo e quando ormai siamo giunti ad una manciata di chilometri dalla fine Yates sembra avere una marcia in più rispetto agli altri. "Un finale molto impegnativo, 178 km con partenza da Castelraimondo, il britannico della Mitchelton-Scott ha preceduto sul traguardo di 7" il campione del mondo, lo slovacco Peter Sagan.

I nove minuti di ritardo dal compagno di squadra Michal Kwiatkowski in classifica generale pesano parecchio sul morale di Chris Froome che sta attraversando un periodo complicato. Yates ha vinto con un'azione da finisseur e poi, sul traguardo, ha dichiarato: "Mi sento bene, avevo provato anche nelle tappe precedenti, raccogliendo un secondo posto". Mio fratello ha vinto ieri alla Parigi-Nizza e questo mi ha dato ulteriore motivazione. Quest'ultimo è il nuovo leader della classifica generale. Kwiatkowski ha aggiunto di voler "vincere la tappa", ma "pensavo anche alla generale". La tappa sembrava più adatta a Peter Sagan, ma sapevo di avere una buona forma per poter ottenere un buon risultato tra i primi. La tappa si è corsa a Filottrano, lungo le strade che tante volte hanno visto allenarsi Michele Scarponi, tutte tinte di colori giallo-blu del team Astana per cui correva l'Aquila di Filottrano. "È bello indossare la maglia azzurra dopo la sfortuna di ieri e in una giornata speciale come questa a casa di Scarponi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE