Di Maio alla Stampa estera: no a governo istituzionale o di tutti

Bruno Cirelli
Marzo 13, 2018

Io mi sarei aspettato un contatto dalle altre forze politiche sul programma e invece vedo discutere i partiti al loro interno, non dobbiamo perdere l'occasione di metterci al lavoro per i problemi degli italiani. Ecco le sue parole. "Gli italiani votando M5s hanno votato un candidato premier, una squadra, un programma". Sono gli altri che ti devono chiedere se per favore possono farti l'onore di appoggiare il tuo governo senza chiedere nulla in cambio. Gli italiani hanno dato un segnale che va colto: "un voto post ideologico, dove non ci sono più destra e sinistra, con un 32% di preferenze a un programma che non è mai stato estremista, e non è contro l'euro".

"Non siamo disponibili a immaginare una squadra di governo diversa da quella espressa dalla volontà popolare: c'è stata una grande investitura". Stanno forse chiedendo di tornare a votare? Niente di tutto questo però nella risposta di Di Maio: "Noi abbiamo come Paese un grande deficit politico, come non essere stato presente quando si discutevano grandi dossier". Era un'ipotesi ventilata stamattina da La Stampa, che immaginava una soluzione in cui un governo guidato da un giurista (si facevano i nomi di Tesauro, Cassese e Silvestri) potesse ricevere la fiducia, o la non-sfiducia, di tutti i partiti dell'arco parlamentare. "Siamo inesorabilmente destinati a crescere, ad aumentare".

"Le presidenze delle Camere non riguardano il governo, non sono collegate al governo, sono figure di garanzia", dice Di Maio allontanando un'intesa con la Lega che è considerata solo per cambiare la legge elettorale.

"La linea di politica estera del M5s non è una linea che tende ad isolare l'Italia, vogliamo mantenere solide relazioni con gli alleati, l'Italia resterà nell'Ue e resterà all'interno della Nato e alleata con l'Occidente". "Non c'è da fare alleanze, c'è da mettere sul piatto le questioni da risolvere". "Il ministro Padoan è stato irresponsabile, come a dire che 'ora che vado all'opposizione avveleno i pozzi'", ha aggiunto. Forse hanno bisogno di un segnale ancora più forte, come nuove elezioni?

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE