Calcioscommesse: Millesi condannato, per Izzo rinvio a giudizio

Rufina Vignone
Marzo 13, 2018

La sentenza è stata emessa dal gup del Tribunale di Napoli, Marcello De Chiara, che ha accolto le richieste del pm della Dda Maurizio De Marco.

Per l'ex capitano dei lupi cade l'accusa di associazione a delinquere. "Ciccio" Millesi, ad ogni modo, non sconterà la pena in carcere poichè, nel caso in cui la stessa venisse confermata nei successivi gradi di giudizio, come richiesto dall'avv. Per tali vicende Millesi è stato condannato ad un solo anno di reclusione avendo il giudice anche escluso nei suoi confronti l'aggravante mafiosa.

La lunga battaglia giudiziaria condotta dalla difesa di Millesi è passata attraverso una vittoria solo per ragioni formali ottenuta innanzi al Tribunale del riesame di Napoli allorquando solo grazie ad un cavillo fu annullata la ordinanza che aveva disposto gli arresti domiciliari a Catania, sua città natale. Vannetiello, il Giudice gli ha concesso la sospensione condizionale della pena. Non sono bastate ad incastrare Millesi né le accuse mosse a Millesi dal collaboratore di giustizia Antonio Accurso, reiterate anche in aula nella scorsa udienza, né la mole delle intercettazioni effettuate dalla pubblica accusa. Antonio Accurso, presuntoesponente del clan, accusato di aver corrotto i calciatori, èstato condannato a 4 mesi. E' stato invece rinviato a giudizio, insieme con due presunti esponenti della camorra, Armando Izzo, attualmente al Genoa, che ha scelto il rito ordinario.

Millesi, difeso dall'avvocato Dario Vannetiello, è stato invece assolto per il reato di concorso esterno in associazione a delinquere.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE