Morte Astori, parla Della Valle: 'Una tragedia immensa'

Rufina Vignone
Marzo 5, 2018

Domani è prevista una riunione di lega con Malagò, al vaglio ci sono diverse ipotesi.

Tragedia nella notte nell'albergo di Udine dove la Fiorentina era in ritiro in vista della sfida contro l'Udinese: è morto Davide Astori, capitano dei viola, 31 anni.

"L'idea è che il giocatore sia deceduto per un arresto cardiocircolatorio per cause naturali", anche se "è strano che succeda una cosa del genere a un professionista così monitorato senza segni premonitori".

ASTORI E LA FIORENTINA - "Davide era qui da quattro anni e lunedì avrebbe rinnovato: una firma che doveva essere messa qualche giorno fa ma poi la neve ha ritardato tutto". La ricerca ha analizzato i test effettuati dall'istituto tra il 2002 e il 2014 su oltre 2300 atleti italiani probabili olimpici. Forse è stato un infarto, si saprà nei prossimi giorni. Chissà per quanto resterà così. Un messaggio alla piazza, cercando di far capire che il Napoli resta con i piedi per terra, ma anche allo spogliatoio, da cui filtra disappunto ma anche la determinazione di ripartire e giocarsela fino alla fine a partire dalla difficile sfida di Milano del prossimo week-end: un successo a San Siro darebbe un nuovo messaggio forte al campionato. Solo nel 2012 si contano 43 decessi tra i ciclisti e 28 tra i giocatori. Rinviata la 27esima giornata di campionato.

Infine: "Sto parlando solo per rispetto di voi giornalisti, perché non ci sono davvero parole in questo momento".

Prima di essere immagine il calcio, come qualsiasi altro sport, è stato racconto. Ci manchera' per sempre. Lo ha detto il Procuratore capo di Udine Antonio De Nicolo in merito al decesso di Davide Astori.

Molti calciatori non volevano scendere in campo.

. Le date infrasettimanali di marzo sono occupate dagli ottavi di Europa League e Champions (le prime due) e dalla sosta per le nazionali (le ultime due). Ti sembra quasi che qualcuno abbia deciso che avevi bisogno di una pausa, che era necessario fermare le coscienze per riconoscere la strada buona da quella cattiva.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE