Elezioni 2018, i "big" politici al voto GUARDA LE FOTO

Geronimo Vena
Marzo 5, 2018

L'inquilino del Quirinale si è allontanato dal seggio senza rilasciare dichiarazioni. Il premier ha scambiato qualche parola con gli altri elettori in fila. "Ho votato nella mia Firenze".

Il segretario del Pd Matteo Renzi ha votato questa mattina alle 9.22 a Firenze al seggio del liceo classico Macchiavelli, in Borgo Santo Spirito. L'ex presidente del Consiglio e della Ue e fondatore di Ulivo e Pd, invece, esprime il suo voto a Bologna, raggiungendo tradizionalmente a piedi dopo la Messa domenicale in compagnia della signora Flavia il loro centralissimo seggio di via Castiglione presso il liceo Galvani. E viva la democrazia. Beppe Grillo invece non si dovrebbe spostare da Genova, dove si trova il suo seggio elettorale a Sant'Ilario. Luigi Di Maio dovrebbe votare nella sua Pomigliano D'Arco (Na), l'appuntamento in mattinata all'Istituto Sulmona Leone, e come annunciato in tv passerà la giornata e parte della serata in famiglia per poi raggiungere il comitato del Movimento 5 Stelle a Roma. Di Maio si è recato intorno alle 11.30 all'istituto comprensivo "Sulmona-Leone" in via Sandro Pertini.

La sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, toscana, ha votato a Bolzano dove è candidata.

Salvini ha votato nel capoluogo lombardo nel pomeriggio, nel seggio di via Martinetti 25, come del resto anche Silvio Berlusconi che torna alle urne della sua Milano (11.30 in via Scrosati) dopo una breve parentesi di voto nella Capitale. Ha compilato le schede elettorali in pochi minuti verso le 12.30 dopo aver atteso in coda il suo turno.

Restando ai sondaggi nelle ultime settimane, è possibile che anche dopo il voto non si abbia una maggioranza che possa governare. La giovane è stata prontamente allontanata dalle forze dell'ordine.

Atteso da una folla di fotografi e giornalisti, Renzi si è scusato con gli scrutatori per il disturbo, per poi intrattenersi con il presidente del seggio per commentare il nuovo meccanismo antifrode. Raffaele Fitto, capo della forza politica 'Nci-Udc' vota in Puglia, nella sua città natia, Maglie.

Per Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali, voto previsto a Roma nella scuola in viale Tintoretto.

La presidente della Camera Laura Boldrini ha votato al seggio allestito nel liceo Berchet. Ricordando che è il giorno del silenzio, ha comunque invitato la gente a recarsi alle urne.

Numerosi seggi hanno aperto con ritardi che in alcuni casi hanno superato le due ore e mezzo a causa delle distribuzione delle nuove schede elettorali ristampate durante la notte.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE