Zapata alla Weah, il coast to coast di Duvan è da urlo

Rufina Vignone
Febbraio 25, 2018

Il protagonista di giornata è senza dubbio lui, merito di un goal d'autore che ha scomodato paragoni con un grande come George Weah: Duvan Zapata ha lasciato il segno nel match vinto dalla Sampdoria contro l'Udinese, battuta per 2-1. Il colombiano ha preso palla nella sua trequarti, ha iniziato a correre e lo ha fatto per una sessantina di metri, in cui è stato sempre contrastato, arrivato in area Zapata ha deciso di concludere con un pallonetto stellare. Aleksandar Kolarov, invece, saltò meno avversari, ma si fece comunque 80 metri di campo nel derby Lazio-Roma della stagione 2008/09, quando fece gioire i tifosi biancocelesti segnando anche con il piede debole, il destro.

Duvan Zapata torna sul goal fantastico realizzato all'Udinese: "Volevo passarla a Quagliarella, conosco Weah ma non la sua rete". Chissà se dovesse farlo adesso, a parti invertite. Accadde il 17 ottobre 2004 nella partita con l'Inter, quando Adriano Leite Ribeiro, l'Imperatore nerazzurro, spaccò in due la squadra bianconera in un 3-1 che lo consacrò come uno dei top player del campionato italiano. Passiamo a Bruno Peres, che forse senza il coast-to-coast nel derby tra Torino e Juventus del 30 novembre 2014 non sarebbe finito alla Roma. E negli ultimi anni ce ne sono stati tanti, non così devastanti, ma pieni di serpentine e dribbling: Farias a Firenze, Ilicic (con la maglia del Palermo) a Genova contro la Samp, Belotti contro l'Udinese (condannata a subire questa tipologia di gol). Facile a dirsi, molto più difficile a farsi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE