Elezioni Politiche del 4 Marzo, ecco come si vota

Bruno Cirelli
Febbraio 25, 2018

Ecco tutto quello che c'è da sapere. In particolare, per la Camera possono esprimere la loro preferenza tutti i cittadini maggiorenni, mentre per votare al Senato è necessario aver compiuto i 25 anni di età.

Partiamo dal quando: le elezioni si terranno in un'unica giornata, ovverosia il 4 marzo 2018.

La tessera elettorale si rinnova all'ufficio elettorale del comune di residenza.

Le urne saranno aperte dalle 7 alle 23. La soglia di sbarramento è al 3% che sale al 10% per le coalizioni.

Elezioni Politiche 2018 – Un momento dell’incontro a Taverna di Montalto
Elezioni Politiche 2018 – Un momento dell’incontro a Taverna di Montalto

Scheda di colore verde per la votazione del Presidente della Regione Lombardia e del Consiglio regionale dove ciascun elettore può votare un candidato alla carica di Presidente; per un candidato e per una delle liste a esso collegato tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste; per un candidato e per una delle altre liste a esso non collegate tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste; votare solo a favore di una lista, con il segno che viene assegnato anche al candidato presidente a essa collegato. I modelli contengono il nome del candidato nel collegio uninominale nel rettangolo in alto.

Nella rettangolo superiore della scheda è posto il nome e cognome del candidato nel collegio uninominale e, nella parte inferiore, è presente il simbolo della lista o delle liste che lo sostengono, con accanto i candidati nel collegio plurinominale.

Se l'elettore traccia un segno, comunque apposto, sul rettangolo contenente il nominativo del candidato uninominale e un segno su un rettangolo contenente il contrassegno di una lista cui il candidato non sia collegato, il voto è nullo, in quanto per l'elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica non è previsto il voto disgiunto. Questo voto vale sia per il candidato nel collegio uninominale, sia per la lista. Se l'elettore traccia un segno sul contrassegno e un segno sulla lista di candidati nel collegio plurinominale della lista medesima, il voto è considerato valido a favore sia della lista sia del candidato uninominale. Stessa cosa se l'elettore traccia un segno sia sul contrassegno sia sulla lista di candidati nel collegio plurinominale della stessa lista.

Il ministero dell'Interno ha realizzato un tutorial di facile comprensione per informare i cittadini sul corretto voto. Quest'ultimi dovranno restituire le schede elettorali, che hanno ricevuto, all'ufficio Consolare preposto entro giovedì primo marzo, alle 16 ora italiana.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE