Coldiretti, è allarme meteo come nel 1985

Paterniano Del Favero
Febbraio 25, 2018

C'è grande preoccupazione per la gelata che sta per invadere l'Italia che, secondo le previsioni, sarà simile a quella del gennaio 1985.

Continua Coldiretti: "Siamo di fronte agli effetti dei cambiamenti climatici che si stanno manifestando almeno da una decina di anni, con pesanti effetti sull'agricoltura italiana, che ha subito danni per 14 miliardi di euro". Ma l'allarme riguarda anche gli animali "con migliaia di morti causati dal freddo negli allevamenti tra mucche, cavalli, pecore, conigli e polli nel 2012". Il brusco arrivo del freddo mette in pericolo gli alberi da frutto con i mandorli già in fiore e le gemme di albicocchi e peschi in fase di apertura che rischiano ora di essere compromesse dalle basse temperature. I mezzi agricoli sono al lavoro - sottolinea la Coldiretti - per consentire la circolazione anche nelle aree piu' interne e difficili ed evitare l'isolamento di case e aziende ma anche garantire le consegne di prodotti deperibili come il latte.

Le temperature delle ultime settimane - afferma Coldiretti - sono state sistematicamente molto superiori alla norma, in particolare le massime che a metà gennaio sono state più alte di 9-10 gradi rispetto alla norma. Non è una situazione eccezionale, ma gli eventi lo sono: "Si moltiplicano gli eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi, ma intense, e il repentino passaggio dal sereno al maltempo. Siccità e bombe d'acqua con forti piogge a carattere alluvionale, ma anche gelate e picchi di calore anomali si alternando lungo l'anno e lungo tutta la penisola italiana".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE