Borsa, Piazza Affari ancora effetto Juncker. Europa in rialzo. Spread stabile

Paterniano Del Favero
Febbraio 25, 2018

In leggera perdita le altre borse europee: Francoforte -0,07%, Londra -0,4%.

In Germania è stata resa nota la lettura definitiva del PIL del quarto trimestre dello scorso anno che ha mostrato una variazione positiva dello 0,6%, in linea con la lettura preliminare e con le previsioni del mercato.

A piazza Affari pesano soprattutto le parole di Juncker sull'esito delle elezioni italiane del 4 marzo: secondo il presidente della Commissione Ue, la votazione potrebbe "portare a nessun governo operativo nel Paese", un'ipotesi che, secondo lui, potrebbe rappresentare lo scenario peggiore.

La Borsa di Milano (-0,8%) indossa la maglia nera in Europa. Oggi al suono della campanella fa segnare i 136 punti base. Risale invece Banca Carige (+2,53%). In rosso anche il settore auto con Ferrari, Fca e Cnh che hanno ceduto il 2%, Exor il 2,7% e Brembo l'1,6%. Sembrano essersi un po' allentati i timori di un più aggressivo rialzo dei tassi di interesse in America, mentre sul fronte valutario si registra una sostanziale stabilità del dollaro nei confronti dello yen, con il cambio fotografato sempre sotto quota 107. Il petrolio: l'indice Wti con consegna ad aprile è in rialzo dell'1,23% a 62,47 dollari.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE