Huawei Mate 10 Pro guida una Porsche Panamera grazie al progetto RoadReader

Geronimo Vena
Febbraio 24, 2018

Huawei è riuscita nell'impresa di far guidare una fuoriserie ad uno dei suoi smartphone con intelligenza artificiale.

Anche Huawei (chissà cosa ne penseranno gli 007 americani visto che recentemente hanno lanciato un'allarme sull'utilizzo di questi, e di quelli di Zte, vedi la notizia su TheVerge) si lancia sul settore automotive e dopo aver realizzato un cellulare dalle grandi perfomance insieme a Porsche (leggi qui), proprio con la Casa tedesca, con una Panamera, ha testato il progetto RoadReader, ovvero uno smartphone dotato di Intelligenza Artificiale per guidare un'automobile.

Il progetto, chiamato "RoadReader", infatti si appresta a superare tutti i limiti finora conosciuti e a mettere alla prova le capacità di apprendimento, la velocità e le prestazioni dei dispositivi Huawei basati sull'intelligenza artificiale.

Huawei presenterà il progetto RoadReader e offrirà una dimostrazione pratica del funzionamento della Porsche Panamera durante il Mobile World Congress di Barcellona, nei giorni 26 e 27 febbraio 2018.

A differenza di altre auto a guida autonoma che rilevano ed evitano gli ostacoli, Huawei ha trasformato la Porsche in un veicolo che, anche senza conducente, è in grado di vedere e capire tutto ciò che lo circonda.

La maggior parte delle auto autonome attualmente in fase di sviluppo si basa sulla potenza di calcolo di chip appositamente sviluppati dai fornitori terzi di tecnologie.

Che le auto stessero diventando sempre più autonome e tecnologiche non è certo una novità.

Andrew Garrihy, Chief Marketing Officer, Huawei Western Europe, ha dichiarato: "il nostro smartphone è già eccezionale ma volevamo capire se in un breve lasso di tempo avremmo potuto insegnargli non solo a guidare una macchina, ma anche ad usare l'intelligenza artificiale per riconoscere determinati ostacoli, e quindi evitarli".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE