Pioggia di vendite a Wall Street

Paterniano Del Favero
Febbraio 22, 2018

Dopo il rosso della vigilia, la piazza azionaria di Wall Street nella sessione odierna di scambi è prima tornata sul sentiero rialzista, e poi nel finale ha perso tutti i guadagni dell'intraday andando a chiudere di nuovo in territorio negativo.

Dal fronte macro, il PMI manifatturiero e servizi di febbraio è aumentato oltre le attese, mentre delude il dato sulla vendita delle case esistenti di gennaio. A mostrarsi più tonico è ancora una volta l'high-tech, con il future sul Nasdaq100 che sale dello 0,35%, seguito da quello sull'S&P500 che si accontenta di un frazionale rialzo dello 0,1%. Un'ipotesi che è stata avallata da Patrick Harker, Presidente della Federal Reserve di Philadelphia chepensa che per il 2018, ci saranno almeno due rialzi dei tassi.

Piccoli passi in avanti per Verizon Communication, che segna un incremento marginale dello 0,88%.

In luce sul listino nordamericano S&P 500 i comparti Industriale (+1,27%), Finanziario (+1,16%) e Materiali (+0,87%).

Tra le Blue Chips, segnaliamo gli acquisti su United Technologies (UTX), +2,15% a $ 129,26, McDonald's (MCD), +0,94% a $ 158,64, e JP Morgan (JPM), +0,42% a $ 115,19. I più forti ribassi, invece, si verificano su Wal-Mart, che continua la seduta con -2,36%. Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Shire, che ha chiuso a -5,51%.

Fiacca Regeneron Pharmaceuticals, che mostra un piccolo decremento dello 0,31%.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Verisk Analytics (+3,09%), Jd.Com (+2,32%), O'Reilly Automotive (+1,85%) e Netflix (+1,60%).

Sotto pressione Liberty Global, che accusa un calo dell'1,91%.

Giornata no per Lam Research che mostra una perdita dell'1,38%.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE