Inchiesta rifiuti, valigetta con 25mila euro a Oliviero: il video di Fanpage finisce in Procura

Bruno Cirelli
Febbraio 21, 2018

Gli investigatori della squadra mobile sono al lavoro per esaminare le 900 ore di filmati registrati dal giornale online Fanpage.

Iacolare è il terzo personaggio pubblico a dimettersi in seguito all'inchiesta del giornale online di Napoli. Prima si era dimesso Lorenzo Di Domenico, consigliere di amministrazione della Sma Campania.

Poi davanti al padre Vincenzo, governatore Pd seduto in platea alla convention, De Luca jr fa un passo indietro e si dimette da Assessore al Bilancio del Comune di Salerno. "Come emerge chiaramente dalla visione del filmato, lo Iacolare non ha né chiesto né accettato alcuna somma di denaro". "Ma al suo interno non vi è nulla".

Intanto i Magistrati partenopei, cercano riscontri ai tre video al centro delle indagini, girati da un infiltrato, collaboratore di Fanpage, Nunzio Perrella, ex camorrista ed ex pentito. Nell'introduzione all'inchiesta, Perrella racconta che avrebbe voluto usare la sua esperienza per smascherare i politici agli ordini della procura, ma spiega di non avere ottenuto il permesso. Utilizzare "agenti provocatori" per spingere le persone a commettere reati è illegale in Italia, e perciò l'autore dell'inchiesta Sacha Biazzo e il direttore di Fanpage.it Francesco Piccinini risultano iscritti nel registro degli indagati.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE