Basket maschile Coppa Italia, oggi la finale tra Brescia e Torino

Rufina Vignone
Febbraio 21, 2018

E non ci stancheremo mai di apprezzare il pubblico bresciano, che come un anno fa a Rimini è sceso in massa e con la sua verace passione, mai contro e sempre pro, ha colorato il Mandela Forum per tutta la Final Eight. Ci tenevamo a tanto fare un passo in più rispetto all'anno scorso, ci siamo guadagnati la finale e adesso siamo pronti per giocare. Corazzate che a Firenze avrebbero dovuto sbaragliare la concorrenza e trovarsi in finale senza grosse difficoltà, si sono fermate al primo ostacolo. Sacchetti spinge la Germani con due triple, Poeta (con polpaccio abbondantemente fasciato) prova a dare la scossa si suoi e a fine primo quarto Torino è indietro solo di 3 (11-14), avendo segnato solo una tripla (con Garrett) su otto tentativi contro il 3/5 dei lombardi.

Quote SNAI vincente serie A1: Milano 1,60; Avellino e Venezia 7,00; Brescia e Bologna 15; Sassari 20; Torino 25,00, Trento 30, Reggio Emilia 75, altre in lista oltre quita 100.

Impossibile non menzionare David Moss, il capitano biancoblu premiato anche come miglior difensore della manifestazione, ma la palma di MVP della finale va ad Aleksander Vujacic, bravo a prendersi la scena nel momento clou e autore del canestro decisivo in contropiede su assist di Washington, dopo 2 tiri aperti sbagliati da Brescia.

La ripresa si gioca su alti livelli in estrema parità: Washington aggancia gli avversari dopo pochi secondi, ma Landry non ci sta e riporta Brescia avanti. La tripla di Landry apre le statistiche degli ultimi e decisivi dieci minuti (53-59), ma illude ancora una volta la Leonessa che abbassa la guardia e concede un break di 8 a 0 alla Fiat che ribalta la situazione grazie al canestro da sotto di Garrett e alle triple di Washington e Poeta (61-59).

La tensione per l'appuntamento con la storia e la stanchezza degli impegni ravvicinati si sente in avvio di partita: le due squadre partono con un complessivo 4/22 dal campo, anche se la squadra di Diana è sempre in vantaggio. Il supplementare è un concentrato di stanchezza ed errori ed è il solito Luca Vitali con una tripla a un minuto dal termine a decidere il match.

MILANO: Goudelock 23, Micov 7, Tomba N.E., Pascolo 6, Kuzminskas 10, Cinciarini 9, Cusin 4, Abass 3, Theodore 16, Bertans 6, Jerrells, Gudaitis 3. All.

BRESCIA: L. Vitali 5, Landry 22, Hunt 6, Moss 2, M. Vitali 14, Moore 2, Traini, Sacchetti 12, Ortner 4.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE