Milan, Gattuso nel post partita: "Siamo contenti ma bisogna guardare avanti"

Rufina Vignone
Febbraio 19, 2018

Sono chiacchiere da bar, bastano pochi concetti per i ragazzi ma la cosa che mi rende più orgoglioso è che vedo grande senso di appartenenza, grande disponibilità. "Io ho portato dei concetti tattici legati al mio modo di intendere il calcio, ma il merito è tutto loro". E' facile allenare questi ragazzi, ci godiamo il momento ma non abbiamo ancora fatto nulla. Abbiamo lasciato tanti punti per strada e dobbiamo lavorare. "Noi siamo una squadra giovane e i ragazzi stanno capendo che bisogna sacrificarsi". I rossoneri beneficiano subito di un rigore, ma Rodriguez se lo fa parare da Viviano ma Bonaventura sblocca il risultato poco dopo su cross rasoterra di Calabia.

Infine, un monito per Milan-Ludogorets: "ora testa subito a giovedì, che non deve essere una partita scontata". Lavoro in un club come questo, con questi ragazzi, è qualcosa di grande.

"Ho ritrovato fiducia in me stesso, mi sento un giocatore forte e importante come lo ero alla Juventus. Sarò l'incubo dei ragazzi fino a fine stagione, ma loro hanno grande passione e voglia di migliorarci". "L'importante è che continuino a lavorare così". Mi piacciono le cose difficili, per questo sono tornato. Da quando è arrivato il mister la squadra ha cambiato faccia, si è creato un gruppo, stiamo meglio fisicamente e abbiamo acquistato sicurezza, mentalità e autostima. Il Milan ha vinto e convinto mettendo in campo fina dal primo minuto la determinazione per portare a casa il match. Ed e' quello che ci mancava oltre a un aspetto fisico migliore. Andremo a Roma con grande rispetto, ma senza timore. Sui social questa scena è già diventata cult e un noto account satirico, ispirato alla figura di Vujadin Boskov, ha cinguettato: "Si vede che uomo raggiunge maturità quando passa da rompere caviglie di avversari a aggiustare bandierina di guardalinee".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE