Facevano prostituire la figlia di 9 anni

Bruno Cirelli
Febbraio 19, 2018

Costringevano la figlia di 9 anni a prostituirsi. A sventare lo scempio di quel piccolo corpo i carabinieri della compagnia di Partinico, che hanno arrestato il padre e la madre con l'accusa di violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione minorile. Per il momento il Gip ha disposto per i quattro indagati gli arresti domiciliari; le indagini dei Carabinieri sono iniziate in seguito alla segnalazione di un uomo che aveva visto la bambina appartarsi con un uomo in campagna per compiere degli atti sessuali. Secondo le indagini i genitori della piccola avrebbero fatto prostituire la bimba in cambio di denaro. In manette sono finiti anche due uomini che avrebbero consumato le prestazioni sessuali con la piccola. I fatti risalgono all'estate del 2017 quando, a Trappeto, i militari della locale Stazione notarono un'auto appartata, su una strada sterrata adiacente un terreno agricolo, con a bordo un anziano in compagnia di una bambina.

Ad organizzare e gestire gli incontri sarebbe stata la madre della minorenne che incassava modeste somme di denaro, tra i 5 ed i 25 euro, facendo prostituire la propria figlia e, in alcune circostanze, partecipando lei stessa ai rapporti sessuali in presenza della bambina. Incontri che alcune volte avvenivano nell'abitazione dei genitori della bambina. Immediata è stata la denuncia ai Carabinieri che hanno impiegato poco a scoprire chi erano le persone coinvolte prima di procedere all'arresto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE